Temptation Island, Jessica ed Alessandro nello stesso locale: l’ultima segnalazione

0
Temptation Island
Foto Wikimedia Commons

Sebbene Temptation Island sia terminato da qualche settimana, alcuni ex concorrenti continuano a finire al centro dell’attenzione dei social. L’ultima segnalazione vede protagonisti Alessandro Autera e Jessica Mascheroni, una delle sei coppie presenti nell’ultima edizione del docu-reality.

Da quanto riportato da Deianira Marzano, i due sono stati avvistati all’interno dello stesso locale, ma in compagnia di altre persone. Sebbene fossero divisi, i comportamenti dell’ex coppia hanno fatto nascere qualche dubbio. Hanno mentito?

L’ULTIMA SEGNALAZIONE – Nelle scorse ore la Marzano, nota per i tanti gossip lanciati in rete, ha reso nota l’ultima segnalazione su Alessandro e Jessica. Una follower dell’opinionista si è trovata nello stesso locale in cui era presente l’ex coppia del docu-reality, commentando alcuni loro comportamenti.

Come noto al pubblico di Temptation Island, Jessica e Alessandro hanno deciso di mettere alla prova i loro sentimenti dopo sette anni d’amore. Durante la loro avventura, i due si sono avvicinati ai single. Alessandro si sta attualmente frequentando con Carlotta, l’ex tentatrice conosciuta nel villaggio dei fidanzati. Nonostante il programma si sia concluso da un po’, c’è chi ancora crede che l’ex coppia abbia solo finta solo per visibilità.

Di questo pensiero è anche l’utente di Deianira. La follower ha infatti visto Alessandro in compagnia di Carlotta, con cui ha da poco affrontato una crisi. Nulla di strano se non fosse che nel locale c’era pure Jessica, quest’ultima in compagnia di un ragazzo:

“Oggi Alessandro e Carlotta erano a scroccare sul tavolo di altri, ma la cosa più bella è che in pista sotto al tavolo dove c’era Alessandro c’era Jessica che si baciava con un altro. Faceva proprio uno show. Per me è tutta una finzione il fatto che stavano insieme, impossibile come cosa”.

Sebbene siano in molti ad accusare i due di aver messo in scena un teatrino per ottenere visibilità, i tre diretti interessati hanno preferito non commentare le accuse.