“The Founder”: il capitalismo dei fast food

0

Michael Keton, premio Oscar, torna al cinema con un ruolo da protagonista molto affascinante. Infatti, dal prossimo 12 gennaio, arriverà in tutte le sale cinematografiche italiane “The Founder” dove l’attore interpreta colui che ha sfruttato l’idea dei fratelli Dick e Mac McDonald, realizzando così un vero e proprio impero. The_Founder

Ray Kroc è il fondatore, il genio del marketing innovativo di quegli anni (’50) che ha fatto conoscere al mondo le potenzialità della prima catena di fast food: McDonald’s ma non tutti erano a conoscenza dell’intuizione che ebbe. Proprio per questo motivo, il regista John Lee Hancock (“The Blind Side” e “Saving Mr. Banks”) ha deciso di portare la sua storia al cinema. Questa scelta non è stata compiuta senza riflettere sul fatto che Mr Kroc ha cambiato l’idea di ristorazione per sempre e che da un semplice hamburger è riuscito, non solo a crearsi un impero, ma soprattutto a dar vita ad un nuovo modo di intendere il capitalismo. Tuttavia, è curioso il modo in cui tutto ciò è avvenuto. Di giorno, per molto tempo, andava in giro con la speranza di riuscire a vendere quanti più possibili frullatori ma dato che i suoi guadagni non fruttavano, di notte aveva modo di pensare a cosa fare per sbarcare il lunario. Ecco, allora, che la lampadina gli si accese e pensò che doveva essere apprezzabile la velocità nel servire cibo. Di lì a poco entrò a far parte dell’azienda McDonald’s fino a spodestarne i proprietari acquistando le loro quote, nel 1961.

mc donald's

The Founder, quindi, non rappresenta unicamente la storia di un uomo che si è costruito da sè il proprio futuro ma bensì narra le gesta di un essere caparbio, spregevole negli affari e totalmente privo di rimorsi. Il sogno americano non esiste e non conta granché rispetto alla fame di vittoria e di denaro. E come Kroc/Keaton afferma nel film verso la sua stessa idea: “Sarà come una nuova chiesa americana”.