Top e flop della giornata: Paloschi show, adios Parma

0

TOP

Sansone e la sua magia

Come l’omonimo eroe dalla forza prodigiosa, domina la gara contro il Parma e stende un tappeto rosso ai compagni per la passeggiata verso i tre punti. Il talento in salsa italiana su base tedesca spacca la partita con un bell’inserimento centrale che apre le marcature. Qualche minuto dopo, un pizzico di magia avvolge il suo piede destro e gli permette di realizzare una perla dall’autentica bellezza. Fa nulla se di fronte c’è l’ex squadra gialloblu, Sansone non guarda in faccia l’avversario e colpisce duro nella scalata verso il successo.

Paloschi, alter ego di Inzaghi

In quel pomeriggio di qualche anno fa, nel match contro il Siena, in molti l’avevano definito con il termine “predestinato”. Se la diretta continuazione di quella gara fosse stata la partita di oggi non ci sarebbe stato nulla da ridire. Doppietta da applausi e prestazione ottima al servizio della squadra per il tarantolato attaccante cresciuto nelle giovanili rossonere. L’idolo Inzaghi, tra mille problemi, può essere fiero del suo alter ego, nel pomeriggio in cui conduce il Chievo ad una grande vittoria, che fa morale e classifica.

FLOP

Parma fantasma

Più che una squadra di calcio sembra la casa dei fantasmi. Il Parma dopo aver toccato il fondo, inizia a scavare sul campo, con il rischio abbastanza calcolato che il finale di stagione sia un’agonia senza fine. Poco conta se l’esultanza di Lila sembra più un rito ipnotico che una manifestazione di gioia, la traballante società ha bisogno di ben altro per risalire. La sensazione è che sia già stata scritta la parola FINE su questo disastro.

Gasp come Mister Hyde

Giornata decisamente negativa per l’allenatore ex Inter. Quest’oggi il tecnico non riesce a portare a casa i tre punti e le prende dal Chievo di Paloschi. La metamorfosi del Genoa è a tratti inspiegabile: calcio champagne, con grinta e agonismo al comando, poi passi indietro preoccupanti dal punto di vista della prestazione e dei singoli. Oggi restiamo tutti sbigottiti di fronte alla gara dei liguri, in attesa che emerga nuovamente il Dottor Jekyll.