martedì, Marzo 5, 2024
Home Blog

Torchia (ag.Rugani): “Daniele si è integrato bene a Cagliari. A fine stagione tornerà alla Juve”

Il ritorno di Daniele Rugani in Serie A fino a questo momento è stato certamente positivo. Il difensore si è conquistato il posto da titolare nella retroguardia del Cagliari e nell’ultimo turno ha trovato anche la prima rete con sardi.

A commentare le ultime uscite e a fornire indicazioni sul futuro, ci ha pensato l’agente del giocatore, Davide Torchia, che ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Tuttojuve.com. Ecco un estratto delle dichiarazioni:

Giudizio sulle prime settimane in Sardegna: “Le giudico in maniera positiva, Daniele è rimasto piacevolmente colpito dall’accoglienza ricevuta e dal come è stato voluto dalla società. Il suo primo obiettivo è quello di ripagare la stima attraverso grandi prestazioni. Non era facile inserirsi in una squadra che stava avendo delle difficoltà oggettive di risultato e di gioco, invece fin dalla prima partita si è comportato egregiamente. Sì è integrato bene all’interno del reparto difensivo”.

Sul trasferimento a gennaio: “L’idea di tornare in Italia è nata il venerdì pomeriggio e tre giorni dopo c’era la chiusura del mercato. Si parlava di un trasferimento internazionale, visti i tempi e il tipo di trattativa posso affermare che è stato tutto molto veloce ed espresso. E’ chiaro che non è stato facile per nessuna delle parti in causa, ma chi ci ha creduto più di tutti e ci ha fatto piacere è stato proprio il Cagliari”.

Sul futuro: “Posso dire che tornerà alla Juventus, perché la scadenza del prestito è a fine giugno. Se il Cagliari avrà il piacere di tenere Rugani e troverà degli accordi con il club bianconero, noi saremo lieti di parlarne. il Cagliari non è un mezzo per tornare alla Juve o per andare altrove, il ragazzo fino a quando indosserà questa maglia farà di tutto per dimostrare che la scelta di acquistarlo è stata giusta. Sarebbe bello che entrambi potessero togliersi delle grandi soddisfazioni insieme. A fine stagione, prima società che sarà ascoltata, sempre che loro ne abbiano interesse, sarà proprio quella sarda”.