Trump, l’Isis creato da Hillary e Obama

0
Trump
trump filter

Il candidato repubblicano Donald Trump in corsa per la Casa Bianca continua a far parlare di sé. Il miliardario ha dichiarato lapidario «Hillary Clinton ha creato l’Isis con Obama» dal palco del Mississippi Coast Coliseum & Convention Center.

Trump ha voluto collegare, con le sue dichiarazioni, l’avanzata e il rafforzamento del gruppo terroristico islamico con le scelte dell’amministrazione Obama.

Il candidato Trump, che vede come diretta concorrente Hillary Clinton, continua la sua campagna elettorale combattendo a colpi di insulti, affermazioni diffamatorie e dichiarazioni shock. Il magnate non è nuovo a questo tipo di comportamenti. Lo scorso 8 dicembre (tanto per citarne una, ndr) aveva pubblicamente detto: “Internet va chiuso, alimenta l’estremismo”, scatenando così proteste e qualche ingenuo sorriso.

Trump è stato anche oggetto di proteste dopo la completa e irrealizzabile, quanto assurda proposta di un totale e completa chiusura nei confronti di tutti i musulmani che per qualsiasi ragione vogliono entrare nel Paese.

Immediata e secca è arrivata anche la reazione della Casa Bianca: “Ciò che ha detto Donald Trump sui musulmani lo squalifica come possibile presidente”, ha detto il portavoce Josh Earnestle. A rimarcare la condanna delle parole del magnate da parte del Governo anche la responsabile per la Comunicazione di Obama che ha definito le frasi di Trump “pericolose, irresponsabili, non informate”.

E intanto Google rende disponibile un filtro per il suo broswer Chrome in grado di oscurare ogni riferimento a Trump nelle pagine che si visitano. Ogni volta che si naviga sul web infatti,  l’estensione avverte che si sono contenuti legati al candidato repubblicano con il logo di “Trump Filter” sul lato destro della barra degli indirizzi. Passando poi sopra la zona oscurata il cursore del mouse, appare anche la scritta “Warning: Trump is on this page!”- Attenzione Trump è su questa pagina!

(fonte immagine www.ecumenicalnews.com)