Tutti i verdetti della 38esima giornata: Crotone salvo ed Empoli in B

0

Crotone salvo:Risultato clamoroso quanto insperato all’Ezio Scida, con il Crotone che battendo 3-1 la Lazio riesce nell’impresa di rimanere in serie A. A firmare la vittoria sono state la doppietta di Nalini e il gol di Falcinelli, intervallate dal gol biancoceleste di Ciro Immobile su calcio di rigore. Proprio la storia di Nalini è molto interessante visto che solo fino a 4 anni fa giocava in serie D e ieri si è rivelato decisivo in un match da dentro o fuori. L’impresa del Crotone va ulteriormente esaltata visto che nel girone di andata i calabresi avevano raccolto la miseria di 9 punti. La salvezza è arrivata in virtù di un girone di ritorno giocato su ritmi da champions, infatti, se si considera il solo mese di aprile, il Crotone è stata la squadra ad aver totalizzato più punti. I complimenti vanno fatti specialmente alla società che, anche nei numerosi periodi negativi, ha deciso di rinnovare sempre la fiducia al tecnico Nicola, venendo infine ripagati della loro pazienza. Per la Lazio non è una sconfitta del tutto indolore poiché è sfumato il quarto posto( raggiunto dall’Atalanta).










Empoli all’inferno: Però se tutto quello detto precedentemente è stato possibile, una gran parte del “merito” va all’Empoli che non è stata in grado di vincere neanche con il già retrocesso Palermo. Nestoroski prima e Bruno Henrique poi hanno condannato i toscani alla serie B, rendendo inutile il gol nel finale di Krunic. Il grande errore dell’Empoli è stato quello di considerarsi già salvo a febbraio allentando quindi la concentrazione e dando la speranza ai calabresi di un insperata rimonta. Simpatico il coro dei tifosi palermitani che, riprendendo una canzone di Jovanotti, cantavano( riferendosi ai tifosi empolesi):” Ti porto via con me… in questa notte fantastica”








Tutti gli altri risultati: L’Inter nel giorno dell’addio di Palacio e Carrizo sconfigge 5-2 l’Udinese, anche il Torino torna finalmente alla vittoria per 5-3 contro il Sassuolo. Pareggio fra Fiorentina e Pescara, vittorie di Roma e Napoli, rispettivamente su Genoa e Samp.














Addio Totti: Proprio ieri ha dato l’addio al calcio uno dei calciatori più rilevanti della storia del calcio italiano, Francesco Totti. Una carriera di 26 anni sempre nel segno della Roma, un amore che lo ha portato a rifiutare offerte faraoniche anche del Real. Commovente l’abbraccio dell’olimpico al suo storico capitano che attua un passaggio di consegne, affidando la sua fascia ad un bimbo di soli 7 anni,il più piccolo capitano delle giovanili della Roma. Un passaggio di consegne più figurato è avvenuto in campo, con il giovanissimo Pellegri( classe 2001 genoano) che ha subito fatto parlare di se, siglando una marcatura a soli 3 minuti dall’inizio del match.