Twin Peaks, Showtime disponibile alla realizzazione di una quarta stagione

Il progetto richiederebbe diversi anni di lavoro

0
Kyle Maclachlan in Twin Peaks (foto dal profilo flickr Bagogames)

Dopo le dichiarazioni rilasciate negli scorsi mesi da David Lynch e Mark Frost sulla possibilità di realizzare una quarta stagione di Twin Peaks, anche i Manager di Showtime hanno manifestato il proprio interesse a un eventuale progetto in tal senso.

L’attesa stagione revival di Twin Peaks, serie cult nata dal genio visionario di Lynch e Frost che come profeticamente annunciato da uno dei personaggi delle due passate stagioni è tornata sul piccolo schermo a distanza di 25 anni, si è conclusa dopo ben 18 episodi lo scorso 3 settembre. Il doppio episodio conclusivo dello show non ha fatto chiarezza su tutti i misteri e gli interrogativi dell’universo di Twin Peaks e ciò porta i fan a sperare in una quarta stagione che possa chiarire i punti lasciati in sospeso.

In tal senso il presidente di Showtime David Nevins, interrogato sull’eventualità di un prosieguo dello show oltre la terza stagione, aveva dichiarato negli scorsi mesi che sebbene non fosse impossibile non lo riteneva probabile.

Più interessante la posizione di Lynch, il quale aveva dichiarato:“E’ troppo presto per dire se ci sarà una quarta stagione dello show. Se accadrà, dovremo attendere qualche anno“. Disponibile anche Frost, secondo cui “è ancora una questione aperta che al momento stiamo considerando e che, credo, anche Showtime desideri”.

Più recentemente anche il direttore della programmazione Showtime Gary Levine e Nevins, come riporta Indiewire, sono tornati sull’argomento dichiarandosi interessati e disponibili nei confronti del progetto. “La porta di Showtime è sempre aperta per David Lynch e Mark Frost, per Twin Peaks o qualsiasi cosa vogliano parlare“, ha dichiarato Levine.

Il revival dello show ha richiesto un lavoro di quattro anni e mezzo. Per questo motivo, qualora ci dovesse effettivamente essere una quarta stagione, se ne parlerebbe probabilmente tra diversi anni, come già affermato da Lynch.
È qualcosa a cui bisogna pensare a lungo e duramente”, ha aggiunto Frost. “Prenderemo la nostra decisione a tempo debito. Di certo non è una questione urgente”.