Udinese-Napoli: 0-1, Marika Fruscio dixit

0

Un Napoli sottotono, poco brillante soprattutto in fase offensiva. Il tridente avanti sembra stanco, affaticato. Soprattutto Mertens ed Insigne hanno realizzato poco e son stati poco attivi avanti. L’unico che ha cercato di mettere al centro qualche pallone interessante è stato Callejon ma l’Udinese riesce a tenere bene il campo ed è ordinata in fase difensiva. Oddo, da poco sulla panchina friulana, ha messo bene i suoi in campo, schierando una squadra compatta e reattiva.

Al 33′ Angella atterra Maggio in area e Di Bello decreta il penality a favore degli azzurri. Jorginho realizza dal dischetto, riuscendo ad insaccare la palla con un tap-in vincente in seguito alla parata di Scuffet.

RIPRESA: Il Napoli fa fatica e gioca ad intermittenza. Gli azzurri faticano ad organizzare il gioco e ci son troppi errori soprattutto a centrocampo dove Jorginho e soprattutto Hamsik perdono troppi palloni. Solo qualche volata manda in crisi l’Udinese che a sua volta è poco incisiva in fase di realizzazione.

La non intraprendenza del Napoli permette all’Udinese di non buttare la spugna e di stare in partita fino alla fine, giocando nello stretto e risultando a tratti pericolosa soprattutto con le iniziative di Barak.

Reina non si lascia sorprendere e mantiene inviolata la porta.

Il Napoli seppur meno spettacolare del solito permette poco ai padroni di casa e riesce a gestire il vantaggio fino al triplice fischio.

Gli azzurri, seppur a fatica, riescono a ritornare al vertice della classifica, superando l’Inter capolista solo per una notte!