Uefa, la Superlega potrebbe costare caro a Juve, Barça e Real Madrid: escluse dalle coppe a tempo indeterminato

Ceferin si dice pronto a intraprendere vie piuttosto decise contro Juventus, Real Madrid e Barcellona. Nonostante la via del dialogo rimanga aperta si potrebbe arrivare anche ad un'esclusione a tempo indefinito per le tre squadre promotrici della Superlega.

0
foto da Vimeo
foto da Vimeo

La Uefa è pronta a punire con estrema severità i club promotori della Superlega. Ceferin, sin dall’annuncio del torneo delle squadre regine d’Europa, lo aveva dichiarato che non si sarebbe andati tanto per il sottile e che ci sarebbero state condanne pesanti per chi avesse sfidato la federazione da lui presieduta.

Nel corso di un’intervista rilasciata al Telegraph, il dirigente sloveno ha candidamente ammesso: “Sono usciti con un comunicato stampa dove dicevano che la Super League esisteva ancora, due giorni dopo hanno inviato una richiesta per giocare in Champions League. Hanno detto che la Champions League è finita ma vogliono ancora giocarci?”

Continua poi Aleksander Ceferin facendo sapere che i tre club continuano a inviare lettere in cui minacciano di fare causa qualora venga espresso un parere negativo circa la loro partecipazione alla prossima Champions League. “Penso che stiano minacciando anche gli altri nove club. Voglio dire, è questo il modo per tornare in famiglia? Minacciare?“, chiosa il presidente Uefa.

La porta comunque non rimane chiusa ma precisa il dirigente: “La situazione ideale è che tutti quelli che si qualificano giochino. Ma, ovviamente, è strano comunicare con loro quando sono scomparsi durante la notte e non sono tornati fino ad ora. Tutto quello che otteniamo sono alcune lettere. La nostra divisione legale dice che ci sono lettere minacciose in ogni modo. Quando parlo a 244 club dell’Eca loro non sono i più popolari al mondo. Fanno causa a tutti; minacciano tutti. Il loro punto di vista è: ‘Giochiamo la nostra competizione d’élite e facciamo un po’ di carità a tutti’. Ma nessuno vuole la carità”.

Qualora la situazione dovesse precipitare l’esclusione dalla prossima Coppa continentale sarebbe l’unico modo per richiamare all’ordine le tre ostinate società. Almeno questo ciò che trapela dagli ambienti dell’Uefa e che porterebbe ad un’esclusione non soltanto per il prossimo anno ma a tempo indeterminato. Una soluzione draconiana e che impatterebbe, oltre a livello di immagine, anche sulle finanze dei club.