UFFICIALE: Klopp lascia il Borussia. Quale sarà il suo futuro?

0

Klopp clamoroso, a fine stagione lascia il Dortmund. Periodo di pausa o Premier?

Clamoroso a Dortmund. Klopp ha deciso: saràaddio a giugno. Dopo sette anni di successi, sei i titoli vinti con il Dortmund divisi tra Scudetto, Coppa di lega e Supercoppa, una finale di Champions League persa con il Bayern Monaco, e senza contare la stagione in corso deludente, il tecnico tedesco ha deciso di dire addio ai “gialli”.

Klopp: scheda successi  Fonte: gol.com
Klopp: scheda successi Fonte: goal.com

A dare la clamorosa indiscrezione è Bild. Il quotidiano tedesco riporta che Klopp dovrebbe chiesto al DG del Borussia Dortmund, Hans-Joachim Watzke, di trovare una soluzione (rescisione consensuale) al suo contratto che lo lega al club fino al 2018.

DOVE ANDRÁ KLOPP? – In Europa sono tanti gli estimatore di Jurgen Klopp. Torna di moda Manchester ma con sponda City. Infatti, proprio ieri abbiamo detto della rivoluzione in casa Citizens [leggi qui] . Con gli sceicchi che potrebbero prendere Klopp anche se i sogli degli arabi sono Guardiola e Ancelotti. In caso di flop dell’Italiano alla guida del Real Madrid , eliminazione in Champions, Klopp potrebbe finire proprio a Madrid. Sempre secondo “Bild” il tecnico di Stoccarda potrebbe prendersi un periodo di pausa per poi ritornare in carreggiata nelle grandi d’Europa come Francia, Inghilterra e Spagna. Impossibile vederlo in Italia anche se Napoli e Milan proveranno a contenderselo.

CHI SARÁ IL SOSTITUTO DI KLOPP? – Il Borussia sembra aver trovato già il sostituto, si tratta di Thomas Tuchel, 41enne, già contattato dalla società tedesca nell’aprile 2014, quando Klopp ricevette una mega offerta dalla Premier che poi rifiutò.

UFFICIALITÁ“L’unica cosa che mi conforta è la nostra amicizia, quella resta” ha evidenziato Watzke in conferenza stampa dopo aver annunciato l’addio di Klopp a giugno, dopo sette annate al Dortmund.

Arriva il turno di Klopp: “Nessuno deve essere grato a me, entrambe le parti hanno dato e ricevuto. Io ho sempre detto, appena non mi sarei sentito l’allenatore ideale per questo straordinario club sarei andato via. E’ il momento giusto, c’è bisogno di cambiare qui, di tornare in alto e non con me. Dopo la conferenza però sarò subito al lavoro, penso al Paderborn, al bene del Borussia per questa stagione.

Il futuro?“Per ora il Dortmund. Ma non sono stanco, niente anno sabbatico. E non ho parlato con nessuno di nulla”.