Ultim’ora, la Juventus ha deciso di cedere un altro pezzo pregiato della rosa: ecco il motivo!

Da bomber del futuro ad esubero, potrebbe essere questa la parabola di Kean con la maglia della Juventus. La società è pronta a cederlo: ecco perché

0
Logo Juventus, Juve fonte By Interbrand (Milan, Italy) - Unknown, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=55074500
Logo Juventus, Juve fonte By Interbrand (Milan, Italy) - Unknown, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=55074500,

La Juventus è pronta a cedere Moise Kean, attaccante esploso nell’ultima stagione sotto la guida di Allegri e reduce da un’esperienza tutt’altro da ricordare nell’Europeo Under 21 con la Nazionale di Di Biagio.

Kean, insieme a Zaniolo, è stato messo fuori rosa dal ct azzurro per comportamenti poco professionali e per il ritardo alla riunione tecnica prima della sfida decisiva con il Belgio. La Juventus era intenzionata a riunire i due talenti a Torino, ma avrebbe cambiato idea.

A riportare l’indiscrezione è Alessandro Bocci del Corriere della Sera, ecco un estratto di quanto si legge nel pezzo del noto giornalista:

“Hanno affossato l’Under 21, ora sono al centro delle trattative. La Juventus aveva pensato di riunirli a Torino. Adesso la strategia è cambiata anche perché i bianconeri non intendono investire 50 milioni sul discontinuo talento romanista. Inoltre il neo allenatore giallorosso Fonseca ha deciso di puntare sul ragazzo blindandolo con un contratto lungo e ricco: due milioni netti sino al 2024.

E’ atteso da tempo anche il rinnovo di Kean, che però non arriva. Raiola sta valutando altre opportunità e da un mesetto si profila l’ipotesi Ajax. Una pista che si è scaldata soprattutto in questi giorni in cui i bianconeri hanno accelerato per de Ligt. L’alternativa per il giovane attaccante è l’Everton. La Juve è pronta a lasciarlo andare, garantendosi una ricca plusvalenza, ma pretende il diritto di recompra. Non vuole far uscire Kean dai suoi radar. Il giocatore punta invece ad ottenere un ingaggio di almeno due milioni”.