Un Napoli che non si ferma ed il Pipita in doppia cifra! 2 gol al Palermo per portare a casa altri tre punti

0

NAPOLI – PALERMO
Un Napoli stratosferico, che cresce di intensità e di sicurezza partita dopo partita. I numeri fatti registrare dalla squadra di Sarri, sia in campionato sia nelle coppe, sono da capogiro. Quinta vittoria di fila per i partenopei in questa Serie A 2015/2016, al pari della Roma capolista, la settima fatta registrare in consecutiva tra campionato e coppe. Come se non fosse già abbastanza, un Pipita stratosferico, in uno stato di grazia già da qualche settimana, sale in cattedra ancora una volta stasera per portarsi al primo posto ed in doppia cifra nella classifica cannonieri, con un magia di quelle che solo lui sa fare: destro secco da fuori aria, una bomba da più di 20 metri contro la quale nulla può l’estremo difensore rosanero. Il pallone finisce nell’angolino basso alla destra del portiere, facendo esplodere il San Paolo, che si trasforma in una bolgia infernale all’annuncio di Decibel Bellini, il quale ripete più e più volte: “col numero 9 Gonzalo Hi-gua-in!”.

I DATI
Un Napoli da paura, sempre più plasmato dalla mano dello stratega Maurizio Sarri, il quale lo modella a proprio piacimento. Una squadra dove tutti sono protagonisti, dove alla festa del gol stasera partecipa anche Dries Martens, il quale partendo dalla panchina entra in campo al 64′ del secondo tempo e mette dentro solo 15 minuti più tardi, giusto il tempo che serve per carburare, per trovare in modo di scardinare per la seconda volta la difesa di un Palermo pallido, intimidito, settima vittima consecutiva della squadra all’ombra del Vesuvio. I dati lo dimostrano, a parlare chiaro è un possesso palla nettamente a favore degli azzurri, oltre il 70%, per concedere meno del 30% restante alla squadra del presidente Zamparini.

LA CLASSIFICA DI SERIE A
Risulta veramente difficile, finché la condizione fisica e mentale della squadra resterà invariata, ipotizzare di trovare qualcuno in grado di battere l’armata Napoli, che sembra mietere vittime, che sembra ormai la squadra da battere in questa stagione, insieme alla Roma, dalla quale dista soltanto due punti in classifica: 23 quelli dei giallorossi, 21 quelli del Napoli, al pari di Fiorentina ed Inter. Scivola indietro invece la Lazio di Claudio Lotito, la quale resta a quota 18, incassando la sconfitta contro l’Atalanta a Bergamo. La squadra di Stefano Pioli viene quindi riagguantata dal Sassuolo, che guadagna i 3 punti in casa, contro una Juve ancora in netta difficoltà.
Sembra essere incapace di rialzarsi la formazione di Allegri, che aveva dato segni di vita domenica scorsa, grazie soprattutto alle giocate di Dybala, ma pare essere tornata nel baratro questa sera, ancora una volta a secco di gol, subendo l’ennesima sconfitta che la tiene ferma a quota 12 punti in 12esima posizione, al pari del Chievo 11esimo.

COSA STA FACENDO IL NAPOLI?
Napoli, ricordiamo, che può vantare per ora il miglior attacco d’Europa, tra Champions ed Europa League, ma anche la miglior difesa, con ben 11 reti realizzate e soltanto una, nelle prime tre partite di apertura di questa fase a gironi di Europa League, con Sarri che, pur non avendo mai giocato nelle competizioni europee, ha fatto registrare un esordio stratosferico, guardando dall’alto i giganti, quali Real, Barcellona, PSG, Chelsea, Arsenal, City, United e tutti quanti gli altri.
Chissà a cosa sarà in grado di arrivare questo Napoli targato Sarri, quali limiti sarà in grado di superare e quali record farà ancora registrare. È un elemento in divenire, materia che prende forma partita dopo partita, minuto dopo minuto, una creatura simile ad una macchina da gol, affamata di successi e impavida dinanzi a qualsiasi tipo di avversaria. Così si cresce e si diventa grandi. Sarà l’anno del grande salto? Attenti alla bestemmia.

RIPRODUZIONE RISERVATA