Uomini e Donne: Beatrice Valli e le critiche sulla linea di abbigliamento per bambini

0
Uomini e Donne. Il trono
Uomini e Donne. Il trono. Fonte: google immagini contrassegnate per essere riutilizzate

Beatrice Valli ha lanciato la sua prima linea di abbigliamento per bambini. In queste ore, l’ex corteggiatrice di ”Uomini e Donne”, ha annunciato l’apertura del sito web sul quale sono presenti i capi della sua prima collezione per bambini.

Subito dopo l’uscita del nuovo marchio, molti utenti del web e soprattutto alcuni fan l’hanno aspramente criticata. Le critiche riguardano soprattutto i prezzi, reputati troppo elevati ed eccessivi, soprattutto se si tiene conto di ciò che Beatrice Valli ha dichiarato.

I PREZZI DEI NUOVI CAPI D’ABBIGLIAMENTO PER BAMBINI IDEATI DA BEATRICE VALLI –  Beatrice Valli ha da pochissimo lanciato la sua linea di abbigliamento. Tramite alcune Instagram Stories, la giovane ha spiegato di essere davvero molto emozionata ed entusiasta per questo nuovo progetto in quanto è finalmente riuscita a realizzare uno dei sogni che aveva da quando era una bambina. Prima che fosse tutto disponibile sul web, la Valli aveva anticipato la notizia ai suoi fan.

Nei video pubblicati sul suo social, l’attuale compagna di Marco Fantini aveva rivelato di aver lavorato molto per poter realizzare dei prodotti che fossero accessibili a tutte le tasche. Una volta aperto il sito web, però, molti utenti sono rimasti delusi.

I prezzi dei vari capi, infatti, non sembrano essere affatto bassi, né tantomeno alla portata di tutti.  Un singolo maglioncino per bambino ha un costo di 55 euro. I cappellini, invece, costano 33 euro. Non sono di certo cifre di lusso, ma nemmeno prezzi accessibili a tutti, come aveva professato precedentemente la ragazza.

LA REPLICA DI BEATRICE VALLI – La ragazza si è subito difesa, in quanto ha spiegato di quale materiale sono fatti gli abiti da lei venduti. Sono infatti realizzati in cotone organico. Si tratta di un materiale più costoso e ha incitato i suoi fan ad acquistare in quanto, secondo il suo parere, sarebbe meglio comprare un capo più costoso, ma che dura anni, anziché un prodotto che dopo mesi va buttato. In ogni caso però c’è da considerare il fatto che i bambini crescono mese dopo mese e quindi sarebbe alquanto inutile acquistare un capo che duri più di anno.