Usa, fermato nove volte per guida in stato d’ebbrezza. Ora l’ergastolo

0

Nove condanne per guida in stato d’ebbrezza. Adesso arriva l’ergastolo. E’ successo negli Stati Uniti. Precisamente in Texas. L’uomo in questione è Donald Middleton di Houston, 56 anni. A decidere di concedergli  la massima pena è stato il giudice Kathleen Hamilton della Corte distrettuale 359.

Con le prime otto condanne era passato inosservato. Poi la goccia che ha fatto traboccare il vaso: a maggio del 2015 è stato fermato di nuovo per guida in stato d’ebbrezza. Aveva invaso un’altra corsia e travolto la macchina di un ragazzo 16enne. La vittima era illesa, ma Middleton non si è neanche fermato a guardare. E’ fuggito subito e si è nascosto in un negozio. La polizia, però, l’ha trovato. Il tasso alcolemico di 0.184, più del doppio del limite legale, 0,08, ha specificato Justin Fowles, assistente del procuratore distrettuale della contea di Montgomer.

Da allora è rimasto in prigione. E poi martedì è arrivata la decisione estrema del giudice Kathleen. Da quella prigione Middleton non uscirà più. E per 30 anni non potrà beneficiare neanche della libertà vigilata. «Mi fa arrabbiare, e parlo come un padre, che questo individuo dopo otto condanne fosse ancora libero di mettere in pericolo i nostri cittadini, libero di guidare, di bere», dice Hayden, che di mestiere fa l’agente di polizia nella stessa contea di Montgomery. «Avrebbe continuato a farlo. E chissà, forse la prossima volta avrebbe ucciso qualcuno».