USB Killer, la penna che frigge il PC

0

Un ricercatore conosciuto con lo pseudonimo di Dark Purple ha mostrato un dispositivo USB che, una volta collegato, può distruggere permanentemente la componentistica integrata del sistema. I pendrive USB sono probabilmente fra i sistemi più diffusi per veicolare malware nei PC, come nel di BadUSB, ma il caso di “USB Killer” è del tutto nuovo. Parliamo di una penna che, semplicemente, manda una scarica elettrica nella porta USB con conseguenze immediatamente fatali per la macchina.

“Quando lo colleghiamo alla porta USB, un convertitore DC/DC si attiva e carica i condensatori a -110V. Quando la tensione è raggiunta, il convertitore si spegne. Allo stesso tempo si attiva il transistor, che viene utilizzato per applicare la tensione -110V alle linee del segnale dell interfaccia USB”, scrive Dark Purple, spiegando il funzionamento della sua creazione. “Quando la tensione sui condensatori aumenta fino a -7V, il transistor si chiude e la conversione inizia ciclicamente”.

Dark Purple non ha rilasciato i sorgenti per la realizzazione del pennino USB, tuttavia è probabile che utenti malintenzionati possano effettuare un lavoro di reverse-engineering partendo dalla spiegazione dello stesso ricercatore. Se da una parte un attacco di questo tipo non può avere finalità specifiche (ad esempio l’estorsione di denaro o di dati sensibili), dall’altra la velocità nella sua esecuzione potrebbe rappresentare un grosso problema.