Vedi Napoli e poi vivi: 5 mete imperdibili

I luoghi del cuore, i panorami più belli, i ricordi ancora da costruire.

0

“Sii turista della tua città” non è un consiglio, è un imperativo morale quado la tua città è bella come Napoli. Un perfetto connubio tra moderna vitalità e antiche tradizioni che convivono all’ombra del Vesuvio. Una città capace di sorprenderti, anche se ci vivi da tutta la vita. I suoi angoli sono originali quanto i suoi abitanti, che insieme al panorama mozzafiato la rendono indimenticabile. Ecco cinque luoghi per turisti e non, da vedere almeno una volta nella vita:

Il bar Miranapoli

Lo storico Miranapoli offre dal 1958 una visione completa dello splendido golfo di Napoli. Il primo bar di Via Petrarca trasforma un semplice caffè in un’esperienza poetica. Proprio per questo motivo è spesso meta dei primi appuntamenti per chi è alla ricerca di un’atmosfera magica.

La Casina Vanvitelliana

La Casina Vanvitelliana, nota anche come casa della Fata Turchina è un casino di caccia risalente al 1782, situato sul lago del Fusaro. Il suo soprannome deriva dalla diffusa leggenda che avesse fatto da scenografia per la casa della Fata Turchina in un fil su Pinocchio. Commissionato dalla dinastia dei Borbone, fu completato dall’architetto Vanvitelli per ordine di Ferdinando IV. Al suo interno di possono ammirare affreschi e pavimentazioni suggestivi che lo rendono l’ambiente perfetto per inscenare le rappresentazioni in maschere d’epoca.

Castel dell’Ovo

Il castello più antico della città, sorge sull’isolotto Megaride. Come narra la leggenda, il poeta latino Virgilio avrebbe posto nelle segrete del castello un uovo, a protezione della fortezza. La sua rottura ne avrebbe provocato il crollo e una serie di catastrofi si sarebbero abbattute sulla città. Lì sul mare, lontano dalla città, distaccato, è un luogo al di fuori del tempo che dall’esterno veglia su Napoli.

Parco Virgiliano

Il parco panoramico è situato a Posillipo, offre infatti una vista splendida delle isole del golfo. La più vicina è Nisida, in cui si distingue il carcere, le isole di Ischia e Capri fanno da cornice. Il Virgiliano è stato identificato come “Il Parco letterario”, e attraverso nuove installazioni di cartelloni (con brani o pensieri di viaggiatori del Settecento, come ad esempio Goethe) in punti panoramici dovrebbe evocare impressioni e sensazioni espresse da artisti dell’epoca.

Miranapoli, foto di Antonia Simeoli
Miranapoli, foto di Antonia Simeoli
Caste dell'Ovo, foto di Antonia Simeoli
Caste dell’Ovo, foto di Antonia Simeoli
Casa della fata turchina
Casa della fata turchina, foto di Antonia Simeoli
Parco Virgiliano
Parco Virgiliano, foto di Antonia Simeoli
Tunnel Borbonico
Tunnel Borbonico, foto da Napolilike

Il Tunnel Borbonico

Voluto dai Borbone il tunnel, insieme a Napoli sotterranea forma una complessa rete di cunicoli che si estendono ben quaranta metri più in basso del manto stradale. Un luogo particolarmente suggestivo a causa del museo allestito al suo interno. Esso è stato infatti rifugio degli abitanti della città durante la seconda guerra mondiale, che vi hanno lasciato oggetti quotidiani, ricordi di sofferenza, ma anche tanta voglia di sopravvivere.