Villa Literno, spara contro i 3 ladri e muore uno

0
I rilievi all'esterno della villetta dove un uomo ha sparato uccidendo uno dei ladri che si erano introdotti nella sua abitazione a Villa Literno (Caserta), 21 Marzo 2016. ANSA/CESARE ABBATE

Ucciso ladro che stava tentando di rubare in un’abitazione a Villa Literno, in provincia di Caserta. Si tratta di un albanese 40 enne. Il proprietario di casa, intorno alle 3.30, si è accorto della presenza dei ladri e ha reagito sparando e colpendo il 40 enne. Non era,infatti, l’unico ad essere entrato nell’abitazione, erano 3 i banditi. Sono stati proprio gli altri due a lasciare il corpo ferito davanti all’ospedale di Aversa. Non era l’unico episodio per questa famiglia. La moglie sotto shock ha affermato: E’ stata una nottata terribile” ha detto, aggiungendo che “non è bello sparare a una persona ma è l’ottava volta che vengono a rubare. Siamo davvero stanchi. Se questi banditi ci avessero detto che avevano bisogno di soldi li avremmo aiutati senza problemi come abbiamo fatto altre volte. Ma non puoi introdurti in casa mettendo in pericolo l’incolumità nostra e dei nostri figli” Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri di Casal di Principe. Secondo quanto raccontato dalla donna, una delle figlie stava ritornando a casa quando si è accorto di quello che stava accadendo nella propria abitazione. Cosi ha avvisato i suoi genitori con il cellulare. Ed è in quel momento che il marito ha sparato. Quando mio marito ha fatto fuoco dal balcone, il ladro colpito, che era già dentro la nostra macchina, una Audi, è uscito dall’abitacolo e ha chiesto, rivolgendosi a mio marito, perché mi spari?. Io avrei voluto chiedergli: e tu perché vieni a casa nostra mentre dormiamo a prendere la nostra roba?” Messaggi di sostegno da tantissime persone, sono quasi tutti dalla parte del proprietario di casa.  Sostegno anche da parte del leader della Lega, Matteo Salvini che sul suo profilo Facebook scrive: “Sorprende i ladri in casa stanotte, spara e ne uccide uno. È successo a Villa Literno, nel casertano. Mi spiace per il morto, ma fino a un certo punto… Ora che non indaghino l’aggredito! La difesa è sempre legittima, anche se Renzi non è d’accordo. Mi date una mano a cambiare la legge?”.