Volare tra i grattacieli di Panama, grazie alla tuta alare

0

Oggi, la modella e paracadutista Roberta Mancino ha intrapreso un viaggio aereo con la tuta alare. Ha sorvolato tra i grattacieli di Panama City senza timore e paura.

viaggio aereo

Il volo è stato un qualcosa di incredibile. Si è rimasti senza fiato soprattutto quando la ragazza ha dovuto calibrare il suo volo per passare tra due edifici.  Tecnicamente, le telecamere GoPro hanno ripreso sia la sua bravura e destrezza in aria sia le espressioni compresibilissime di stupore della stessa temeraria paracadutista. Le sue facce hanno fatto trasparire, essenzialmente, tutta l’adrenalina che l’impresa ha messo in circolo.

Roberta Mancino indossava la tuta alare che è particolarmente usata nel  base jumping, dato che consente di raddoppiare i tempi di caduta libera e di aumentare la distanza dai possibili ostacoli. La conseguenza più eclatante e visibile è la diminuzione del rischio di incidenti in volo.

Questa tuta, in inglese wingsuit, permette al corpo umano di aumentare la propria superficie. Il corpo assume, così, un profilo alare che trasforma la velocità data dalla forza di gravità, in planata orizzontale. Questa tuta, è utilizzata nel paracadutismo come nuova disciplina ed è oggetto di costante e rapido sviluppo. Infatti, una normale tuta alare rispetto ad una velocità media di caduta libera di circa 200 km/h consente di rallentare fino a circa 70 km/h, con una velocità orizzontale di 180 km/h.

panama city