X Factor Inter: quattro sì dagli obiettivi di mercato! Ora si tratta con i club

0
lukaku
Romelu Lukaku con la maglia della nazionale belga. Fonte Wikipedia

Come nella famosa trasmissione, il duo “Marotta-Conte” riceve quattro sì dai futuribili nuovi acquisti e passa alla fase successiva: la trattativa con i club. L’interesse per il poker di assi Lukaku-Dzeko-Barella-Lazaro è limpido e da Milano si registra anche una tiepida felicità per aver trovato con tutti l’accordo economico.

Ecco le cifre degli accordi

Dzeko ha detto sì ad un contratto di 3 anni a circa 4 milioni di euro a stagione, mentre i giovani Barella e Lazaro saranno legati alla società per 5 anni con uno stipendio di poco superiore ai 2 milioni. Gli accordi sembrano soddisfare i giocatori al punto tale che loro stessi auspicano una rapida conclusione delle trattative coi rispettivi club.

Ben altre cifre invece saranno stampate sul contratto che legherà il gigante belga Lukaku ai nerazzurri. La forte punta del Manchester United continuerà a percepire la medesima somma attuale anche a Milano ma il suo contratto sarà allungato fino al 2023. Nel caso della sponda Reds di Manchester, la trattativa sembra essere più complicata del previsto. Il club vuole gli 80 milioni della valutazione del giocatore praticamente cash. L’Inter cercherà di abbassarne le pretese facendo leva sull’interesse per Perisic dei britannici.

Il primo a dare per certi gli accordi tra società e giocatori è stato il Corriere dello Sport di oggi. I 4 prescelti da Conte come ossatura della sua nuova Inter sono ormai pronti ad atterrare alla Malpensa e aggregarsi al resto dello spogliatoio. I corteggiamento lungo ed affannato ha dato i suoi frutti. Tutti e quattro sono pronti a tuffarsi con entusiasmo nell’universo Inter.

Intanto il tecnico leccese può dirsi più che soddisfatto dall’imminente arrivo di Diego Godin ad Appiano Gentile. L’ex Atletico Madrid è il primo tassello per rendere impenetrabile la retroguardia dei meneghini e ricreare anche a Milano una nuova versione di quella BBC che tanti trionfi gli regalò ai tempi di Torino.