Zoff e la frecciata a Buffon: “Io ho smesso da numero 1, se si diverte a fare il secondo vada avanti”

L'ex portiere ha parlato della questione Buffon e del record di presenze in Serie A. Le dichiarazioni

0
Dino Zoff, fonte Di Getty Images - Zoff ricorda il trionfo azzurro, su it.uefa.com, 15 maggio 2012., Pubblico dominio, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=3833289
Dino Zoff, fonte Di Getty Images - Zoff ricorda il trionfo azzurro, su it.uefa.com, 15 maggio 2012., Pubblico dominio, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=3833289

Dino Zoff ha rilasciato un’intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Tanti i temi trattati, tra cui quello relativo al record di presenze in Serie A che Buffon potrebbe raggiungere stasera giocando contro il Genoa:

“Un bel traguardo. In generale però in queste classifiche i portieri sono avvantaggiati perché non hanno problemi di fatica e recupero rispetto ai giocatori di movimento”.

Turnover portieri: “Bah. Vedo partite a volte, dove quasi quasi potrei giocare io in porta… Nel senso che c’è sempre questo giro palla e si va poche volte al tiro. I portieri spesso si riposano. Per questo dico che funziona, il turnover, se hai due fortissimi”.

Szczesny e Buffon? “Non lo so. Comunque Gigi l’ho visto bene in finale di Coppa Italia. Ha fatto buone cose. La Parata di Gigi su Maksimovic valeva la mia su Oscar, contro il Brasile nell’82? Non scherziamo”.

Sul ritiro: “Buffon si ferma a 43 anni e io a 41? Scelte. Io ho smesso da numero 1. Se lui si diverte a fare il secondo vada avanti, tanto giocando meno si diventa ancora più longevi. Ma star poco in campo è sempre un rischio per il ruolo”.