domenica, Marzo 3, 2024
Home Blog

II edizione di Napoli Città Libro a Castel Sant’Elmo: un’ottima iniziativa per diffondere la cultura

Siamo stati alla II edizione di Napoli Città Libro, tenutasi quest’anno a Castel Sant’Elmo e precisamente nel pomeriggio del giorno inaugurale, giovedì 4 aprile 2019. Abbiamo assistito a due incontri e chiacchierato con alcuni rappresentanti delle case editrici presenti.

La location, praticamente a 200 metri da San Martino (luogo dove è possibile ammirare un fantastico panorama), è stata eccellente anche se mancava il Wi-Fi e in diversi punti non era possibile né chiamare né collegarsi a internet da mobile (hanno promesso che da venerdì sarebbe stato possibile connettersi). Il primo speech riguardava la ‘Presentazione del volume Pop Music al “Napoli Città Libro‘ con Lello Savonardo – professore di “Teorie e Tecniche della Comunicazione” e di “Comunicazione e Culture Giovanili” presso l’Università di Napoli “Federico II” e autore del libro (postfazione di Luciano Ligabue) -, Sergio Brancato – docente di “Sociologia e storia dei media” dell’Università degli Studi di Napoli Federico II -, Massimiliano Jovine dei 99 Posse e Dario Sanzone dei Foja. Un incontro interessante, per raccontare il rapporto tra i giovani e il mondo pop, con un occhio ai mutamenti sociali e alle culture giovanili, dal punto di vista sociologico: come la musica pop/rock possa sia determinare nuove tendenze che essere influenzata dai fenomeni della nostra epoca. L’evento si è concluso con una breve esibizione di Sanzone. Nutrita la presenza degli Under 30.

Il secondo incontro è stato ‘L’ho inventato io…’ con Pippo Baudo che ha presentato il suo libro ‘Ecco a voi’, alla presenza di Sergio Brancato e Francesco Pinto. L’icona della tv italiana ha raccontato alcuni aneddoti in RAI, i retroscena della esperienza in Mediaset, il suo ‘ingresso’ nel mondo televisivo e ha rimarcato le inevitabili differenze tra la televisione pubblica degli anni ’60 e ’70 e quella di oggi. Brevi accenni anche all’attualità, alla città di Napoli e come è riuscito a farsi apprezzare da persone di diversa generazione. Notevoli gli spunti di riflessione.

Tra le case editrici, numerose le particolarità e le novità, come ad esempio quella de ‘Il Mondo di Suk’ che, nel presentare il ‘Dizionario appassionato di Napoli’ (tradotto dal francese) di Jean-Noel Schifano ha avviato una collaborazione con ‘Gay-Odin’: è possibile acquistare nella sede in via Vetriera 12 un uovo di Pasqua personalizzato con la cartolina della città partenopea al cui interno c’è il libro. Un’idea originale. Particolare menzione anche per ‘Milena Edizioni’, che ha avviato, tra i tanti, anche un filone di letteratura LGBT provando a fornire spunti innovativi, a raccontare anche storie di narrativa da un punto di vista differente. Una scelta per alcuni versi ‘rischiosa’ ma che personalizzano lo stile della casa editrice, con testi mai banali e che invitano alla riflessione. Come, poi, del resto la cultura deve fare.

Un’iniziativa, quella di ‘Napoli città Libro, a cui auguriamo un grande presente e futuro.