Il goal di David Trezeguet in Milan – Juventus del 2005

0

Il goal di David Trezeguet segnato l’8 maggio 2005 allo Stadio San Siro in occasione di Milan – Juventus è probabilmente una di quelle reti cult che si stampa per sempre nella memoria dei tifosi e che fatica a essere cancellata nonostante passino molti anni. Il gesto tecnico collettivo del duo Alessandro Del Piero – David Trezeguet è talmente epico e decisivo che non può davvero essere cancellato dai nostri ricordi.

Epico perché un assist in rovesciata non lo si vede di certo tutti i giorni: è il 28esimo del primo tempo e Alessandro Del Piero ha un po’ di spazio lanciato sulla fascia di sinistra, riesce ad arginare per due volte Gennaro Gattuso, prima con una mezza giravolta e poi con una finta a rientrare; ciò nonostante l’attuale allenatore del Pisa riesce comunque in scivolata a fermare il suo cross e il pallone si impenna in una parabola molto ripida. A quel punto a Del Piero, che lo vede molto in alto, si accende la lampadina, quella che solo i veri geni hanno, e decide di colpirlo in rovesciata mettendo una sorta di cross volante. L’idea di per sé era folle perché a presiedere l’area rossonera oltre a Dida in porta, c’erano Jaap Stam e Paolo Maldini. Il pallone però finisce proprio in mezzo tra i due in una terra di nessuno (lasciata colpevolmente dai due scoperta) e ne approfitta Trezeguet che con un gran guizzo di testa beffa la tardiva uscita del portiere brasiliano.

Decisivo perché è il goal che segna l’allungo decisivo in campionato. È il cosiddetto goal scudetto. Arrivati alla 34esima giornata le due compagini si ritrovavano a pari punti e alla trentacinquesima c’era da giocare lo scontro diretto al Giuseppe Meazza, una sorta di spareggio scudetto. Appaiate a quota 76, le due squadre si sono separate dopo il goal di Trezeguet con la Juventus che fece un importante e definitivo allungo di 3 punti. A quel punto la testa dei rossoneri era andata, la settimana dopo, il 15 maggio c’è Lecce – Milan e al Via Del Mare la squadra di Ancelotti viene fermata sul 2-2 mentre la Juventus liquida la pratica Parma con un 2-0 casalingo. C’erano quindi 5 lunghezze a due giornate al termine: il campionato è finito e il Milan ha la testa alla finale di Champions League che poi giocherà il 25 maggio per la fallimentare rimonta subita dal Liverpool. Alla trentasettesima giornata lo scudetto bianconero arriva all’Armando Picchi di Livorno: alla Juventus basta il pareggio visto che lo stesso risultato lo ottiene il Milan in casa contro il Palermo.