Nicolas Cage: dagli esordi all’ultimo film “USS Indianapolis”

0
L'attore Nicolas Cage alla 66° edizione del Festival di Venezia. (Immagine di Wikimedia Commons).

Nicolas Cage è uno degli attori più amati di Hollywood. Ha debuttato nel 1983 nel film “Rusty il Selvaggio” e ancora oggi, nel 2017, è uno degli interpreti più richiesti. Conosciamolo meglio!

Cage nasce negli USA nel 1964, ma è di acclarate origini italiane. Il suo vero nome, infatti, è Nicolas Kim Coppola: i suoi bisnonni paterni erano di Matera. Ma oltre che legami con il nostro bellissimo Paese, Nicolas può valere anche di parentele davvero prestigiose. Ebbene, per chi non lo sapesse, Nicolas è il nipote sia del famoso regista Francis Ford Coppola sia del grande compositore Carmine Coppola.

Ottiene un certo prestigio in campo cinematografico grazie all’interpretazione nel film “Via da Las Vegas” del 1996. Proprio grazie al ruolo in questa pellicola otterrà l’Oscar come migliore attore protagonista e un Golden Globe come migliore attore in un film drammatico. A partire dal 1996, dunque, la carriera di Nicolas Cage è in completa ascesa.

Numerose sono le pellicole famose che lo vedono come protagonista. Basti pensare a film come: “City of Angels – La città degli angeli” (1998), “The Family Man” (2000), “Il mistero dei templari – National Treasure” (2004), e “Kick-Ass” (2010). L’attore si presta ad interpretazioni diverse: da commedie a film drammatici e thriller. Forse è proprio questa sua incredibile capacità di adattamento a renderlo così richiesto. Anche quest’anno, infatti, Cage comparirà sul grande schermo. Il film “USS Indianapolis” è già molto atteso e si prospetta già come un successo; l’ennesimo per Nicolas.

Oltre che per la sua carriera da attore, Nicolas si è distinto anche per i numerosi gossip in merito alla sua vita privata. Numerose sono le relazioni alle spalle dell’attore, tra cui ben tre matrimoni finiti. Oltretutto, nel 2015, Cage è stato vittima di uno scandalo finanziario. Ha dovuto saldare 96 milioni di dollari con il fisco americano.

L’attore, inoltre, si dichiara molto fiero del suo lavoro. Proprio recentemente ha dichiarato:“Da piccolo guardavo la TV religiosamente, era tutto quello che facevo e mi piaceva. A quella età cercavo di capire come passare dal tappeto del salotto – perché la guardavo seduto in salotto, su quello che consideravo il mio tappeto magico – al televisore e parlare. Ora lo faccio, quindi ha funzionato. E’ quello che ho sempre voluto, entrare nella TV e diventare un attore”.