CR7: la legge del più forte

0

Si è da poco conclusa la semifinale d’andata di Champions League tra Real Madrid-Atletico Madrid, che ha visto una schiacciante vittoria dei madrileni contro i cugini grazie ad uno straordinario Cristiano Ronaldo. L’asso portoghese ha, infatti, messo a segno l’ennesima tripletta della sua carriera, raggiungendo 103 goal nella massima competizione europea. I goal di stasera sottolineano, se ce ne fosse ancora bisogno, lo straordinario momento di forma del pallone d’oro in carica. E’ infatti il primo giocatore a segnare due triplette consecutive in due partite di Champions, prima con il Bayern e ora con l’Atletico. Per Ronaldo sono 399 goal con la maglia del Real Madrid.

Sotto il profilo realizzativo (35 goal) questa non appare la sua migliore stagione, ma la sua incisività è un fattore imprescindibile per i madrileni. Anche stasera ha dimostrato al mondo intero che quando chiamato in causa non fallisce mai l’appuntamento. Infatti, superando Di Stefano è diventato il giocatore con più goal segnati nelle semifinali in tutta la storia della Champions League-Coppa dei Campioni (13 centri a 11). La qualificazione non è però definitivamente chiusa perchè c’è ancora un atto da giocare e il calcio è spesso la massima espressione dell’impensabile.

Dopo questa partita, il talento di Madeira si candida nuovamente come super favorito per il pallone d’oro, la sua più grande ossessione. Dopo un 2016 straordinario, in cui è riuscito a vincere l‘Undecima con il Real e l’Europeo con la nazionale portoghese da grande protagonista, CR7 si è rimesso al servizio della squadra, ha gradualmente ripreso la forma e spostato il suo raggio d’azione, avvicinandosi molto di più all’area di rigore per consacrare definitivamente il suo nuovo ruolo. La sua evoluzione è, infatti, la realizzazione più pura della massima espressione di finalizzatore. E’ ormai un cecchino, un goleador che non smette di sorprendere e, soprattutto, di segnare.

Quella di stasera è la legge della sopravvivenza, è la legge del più forte, è la legge del campione, è la legge di Cristiano Ronaldo.