L’erede di Mihajlovic sulla panchina del Milan è dietro l’angolo: Brocchi in pole position! I dettagli!

0

Sinisa Mihajlovic è tornato in discussione nel giro di due giornate. Per il tecnico serbo questo girone d’andata sarebbe dovuto essere quello della “vendetta” nei confronti di chi, a più riprese, l’avevano messo alla graticola già dopo le prime sette giornate di campionato. I buoni risultati ottenuti dalla sfida con la Roma in poi lo avevano messo in una posizione di forza, tanto che la squadra puntava decisa alla, difficile, conquista del terzo posto. Dopo la sconfitta di Sassuolo e il pareggio sul campo del Chievo Verona le ambizioni delMilan sono state totalmente ridimensionate e ora solo la vittoria della Coppa Italia, in finale contro la Juventus, potrebbe parzialmente addolcire la stagione del Diavolo.

BERLUSCONI INSODDISFATTO- Adriano Galliani ha sempre difeso Mihajlovic dalla voglia di Berlusconi di esonerarlo. Il Presidente rossonero non è per niente soddisfatto del gioco espresso dalla squadra e dei risultati visto che il suo Milan naviga al sesto posto e più che guardare avanti deve difendersi dall’attacco di Sassuolo e Lazio. La squadra è con il tecnico serbo ma ora serve tornare a vincere, proprio domenica contro la squadra di Pioli, per non ripiombare in una crisi senza fine. I biancocelesti arriveranno stanchi al match di San Siro, dato che domani sera giocheranno il ritorno degli ottavi di finale di Europa League contro lo Sparta Praga.

BROCCHI PRONTO- Il Milan, nelle prossime tre giornate di campionato, dovrà affrontare un calendario non troppo agevole visto che ospiterà la pur sempre temibile Lazio di Pioli e dopo le vacanze di Pasqua dovrà andare a giocare sul campo, ostico, della pericolante Atalanta mentre la settimana successiva ci sarà la sfida contro la Juventus di Allegri che sta lottando per il Tricolore con il Napoli di Sarri. Nel caso in cui, Mihajlovic dovesse fallire questi tre appuntamenti è pronto l’allenatore della Primavera Cristian Brocchi che in coppia con Tassotti farebbe da traghettatore fino al termine della stagione. Per l’anno prossimo il Milan ha diverse alternative: da Eusebio Di Francesco del Sassuolo passando per il sogno Maurizio Sarri, il Napoli ha l’opzione per il rinnovo, fino ad arrivare a Vincenzo Montella della Sampdoria e Roberto Donadoni del Bologna che però è in ballottaggio con Fabio Capello per la successione di Antonio Conte alla guida della Nazionale Italiana.

Fonte: corrieredellosport.it