Premier League, Chi dopo Ranieri? In corsa De Boer e Hiddink

0

Con l’addio di “King Claudio”, il Leicester si sta “guardando” in torno per cercare di trovare un allenatore  che possa occupare il posto lasciato da Claudio Ranieri. Sono diversi i nomi che circolano in queste ore per sostituire l’allenatore romano: Da Mancini a De Boer, da Guus Hiddink a Craig Shakespeare. L’ex tecnico di Inter e Manchester City ha rifiutato la proposta arrivatagli dalle “Foxes” quindi il club inglese dovrà seguire le piste che portano ai due allenatori Olandesi. Ma non è da escludere (invece) che i campioni d’Inghilterra in carica possano arrivare fino a fine stagione con Craig Shakespeare (pare che l’inglese sia il preferito di alcuni giocatori proprio del Leicester). Per il momento lo stesso Shakespeare sarà il tecnico che preparerà la squadra inglese per la gara di lunedì sera contro il Liverpool.

Comunque sia da parte del tecnico romano c’è “amarezza” per l’esonero, come si può capire dalle parole espresse dallo stesso durante il suo ultimo comunicato stampa da manager del Leicester: “Dopo l’euforia della scorsa stagione, e l’incoronazione a campioni d’Inghilterra, tutto quello che sognavo era stare al Leicester, la squadra che amo, per sempre. Purtroppo, non doveva essere così. Voglio ringraziare mia moglie Rosanna e la mia famiglia per non aver mai smesso di sostenermi nel mio periodo al Leicester. Grazie a Paolo e a Andrea (suo staff), che mi hanno accompagnato in questo viaggio meraviglioso. Ringrazio ancora Steve Kutner e Franco Granello che mi hanno offerto la possibilità di diventare campione. Ma soprattutto io devo ringraziare il Leicester City Football Club”. Infine l’ex tecnico ringrazia anche la città, i tifosi e la società, nonostante abbia deciso di “esonerarlo” dopo che una settimana prima aveva espresso il proprio “sostegno” all’allenatore: “Voglio ringraziare il club, i miei giocatori e soprattutto i tifosi e la città che sono stati fantastici. Vi porterò per sempre nel mio cuore