Progetto Tavecchio: manovre calcistiche e… affari ad personam

0

Eletto tra mille perplessità, critiche e dubbi, Carlo Tavecchio sta cercando di rivoluzionare il calcio italiano, decisamente retrogrado rispetto alla pianificazione ammirata altrove. Un interessante articolo pubblicato su “Repubblica” espone in maniera dettagliata il piano del presidente della FIGC. Scopriamo di seguito tutte le manovre in programma nei prossimi mesi.

«Erba artificiale, illuminazione al led, pannelli solari, isolamento termico. Sono i punti di forza illustrati dai rappresentanti della Lega Nazionale Dilettanti per descrivere il progetto dei 20 Centri di formazione federale voluti da Carlo Tavecchio, uno in ogni regione. Nel linguaggio, la componente infrastrutturale sembra sempre avere la meglio sulla destinazione sportiva dei nuovi gioielli, un investimento da 10 milioni. L’attuale capo della Figc è sempre al centro degli snodi tra affari e pallone. Il suo marchio di fabbrica è stato il lancio massiccio del sintetico. Un sodalizio molto forte con la Limonta, sponsor della Lnd e realizzatrice di tantissimi terreni artificiali in questi anni, compresi alcuni campi dei Centri di formazione federale. La scommessa ha permesso all’Italia di diventare un Paese pilota nell’introduzione dei manti non naturali. Calcio Illustrato, la rivista ufficiale dei Dilettanti, edita da Moruzzi’s Group, la stessa società bolognese che ha pubblicato i due libri di Tavecchio, 60mila copie, pagati da Lnd e Figc. Libri che, in origine, dovevano essere acquistati dalle società e da queste rivenduti con un guadagno sicuro, assicurava la relativa locandina. Anche su questa vicenda nessuna ammissione di colpa. È il calcio secondo Tavecchio. Le famiglie costrette a pagare somme sempre più elevate per far giocare i bambini non sono la preoccupazione principale: nel calcio dilettantistico si preferisce parlare di pannelli fotovoltaici, illuminazione al led, erba sintetica e isolamento termico».