Addio a Luciano Bideri il papà di O’sole mio

0

d6887Il papà di “O sole mio” e di “O soldato nnamurato” non c’è più, Napoli perde un altro capostipite della sua canzone e poesia famosa in tutto il mondo. È morto a 92 anni nella sua casa di Roma, Luciano Bideri fondatore della casa editrice Bideri. Nipote di Ferdinando Bideri che nel 1896 fonda la casa editrice della canzone napoletana. Libero Bovio, E.A Mario, Ernesto Murolo e tanti altri sono stati gli autori per i quali la famosa casa editrice ha scritto canzoni leggendarie patrimonio dell’Unesco. La casa editrice Bideri è famosa in tutto il mondo grazie al lavoro che lo stesso Luciano ha saputo portare avanti con amore e passione per la musica napoletana. È stato uno dei promotori del festival di Napoli. Ora sta ai figli portare avanti la famosa azienda di famiglia che in tutti questi anni è stata parte principale del nostro bel paese. Luciano Bideri dal 2000 vive a Roma, aveva lasciato Napoli per impegni di lavoro e anche per l’enorme età avanzata che portava lo stesso Bideri a preferire una vita tranquilla senza lo stress che una città come Napoli porta. Bideri ha sempre amato la sua città di Napoli, investendo in tutti questi anni sudore, fatica e capitale. La Bideri Spa deve molto alla città di Napoli per la nascita di grandi autori della canzone napoletana, veri e propri geni contemporanei. Come molto lo deve la città di Napoli alla famiglia Bideri che ha saputo portare con sé questi mostri sacri della cultura napoletana. La storia dei Bideri è una storia che parte nella metà del 1800, quando questi grandi scritti entrano a far parte del patrimonio nazionale. Torna a Surriento, Voce e notte, O soldato nnammurato o O sole mio sono una piccola parte illustre dei testi che la famiglia Bideri ha prodotto e conservato nella sua azienda di famiglia. La famiglia Bideri per Napoli è una parte di storia della città, come possono essere le mura, un quadro o una Chiesa. Il comune di Napoli ricorda la famiglia Bideri e la ringrazia per la sua attività che è stata decisiva per far grande la canzone classica e fare sì che diventasse patrimonio dell’Unesco. I funerali di Luciano Bideri si terranno nella Chiesa di S.Chiara, visto che lui stesso prima di andarsene espresse il desiderio di tornare a Napoli. È doveroso e giusto che un figlio di Napoli torni nella sua città, come un Re quando torna vincente dalle sue battaglie epiche. Non ci rimane che ricordare (anche in una maniera costituzionale) ciò che Luciano Bideri e la famiglia hanno fatto per la canzone napoletana. Arrivederci Luciano, non ti possiamo dire addio, le tue canzoni rimarranno ancora per sempre nella nostra storia.