Cantinetta vino: cos’è e individuare la migliore

0
fonte: google immagini contrassegnate per essere riutilizzate

Hai mai sentito parlare della cantinetta per il vino? Si tratta di un elettrodomestico che viene detto anche frigo-cantina, in grado di creare al suo interno le condizioni adatte per la conservazione del vino. É l’ideale per chi desidera avere in casa diverse bottiglie, evitando così di doversi rifornire di volta in volta. In commercio se ne trovano di varie tipologie. Tuttavia, la distinzione più importante è quella tra cantinette temperate e cantinette climatizzate.
Le prime sono in grado di creare la temperatura ideale per il servizio, mentre le seconde, a tale aspetto, aggiungono la possibilità di ricreare il clima adatto per la conservazione e per l’invecchiamento. Tuttavia, esistono anche le cantinette monotemperatura, che prevedono una temperatura uniforme, e le cantinette multitemperatura, che garantiscono la possibilità di modificare il clima in base allo scomparto.
Non bisogna dimenticare, poi, che questi apparecchi si distinguono anche in base al tipo di design. Infatti, è possibile acquistare cantinette in legno, in vetro, a muro e dalla capienza più o meno elevata. Sei alla ricerca della miglior cantinetta vino? Non ne esiste una perfetta per ogni tipo di consumatore, ma è possibile individuare quella più adatta alle proprie necessità, tenendo conto di alcuni aspetti fondamentali.

 

Perché acquistare una cantinetta per il vino?

Le cantinette per il vino sono l’ideale per coloro che desiderano servire il vino alla temperatura più adatta, in modo da poterne sfruttare a pieno le potenzialità dal punto di vista organolettico. Tuttavia, alcuni modelli, come accennato poco sopra, assicurano anche la conservazione e l’invecchiamento. Inoltre, sono create per garantire anche un livello di umidità adeguato.
Del resto, l’umidità è determinante per lo stato di conservazione del vino e dovrebbe essere compresa tra il 60% e l’85%. Infatti, se la percentuale è inferiore il tappo di sughero tende a seccarsi, alterando il sapore della bevanda, mentre se è inferiore il rischio è quello che si sviluppino muffe.
Non bisogna dimenticare, poi, che questi elettrodomestici proteggono il vino dalla luce solare, che può provocare dei cambiamenti negativi. Di fatto, i raggi solari portano allo sviluppo dei radicali liberi ed accelerano il processo di ossidazione. Dunque, sostituiscono in maniera eccellente la tradizionale cantina, che non sempre è presente nelle abitazioni moderne.

 

Come scegliere la cantinetta per il vino più adatta alle proprie necessità?

Per scegliere l’apparecchio più adatto alle proprie necessità è fondamentale, prima di tutto, chiedersi se si vuole conservare un solo tipo di vino o diverse tipologie, così da capire se è meglio puntare ad una soluzione mono o multi-temperatura. Tuttavia, è importante anche stabilire quante bottiglie si ha intenzione di collocare all’interno, così da decidere se optare per modelli ampi o contenuti.
In base al tipo di arredamento di cui si dispone, è importante domandarsi anche se è meglio scegliere una cantinetta ad incasso o a libera installazione. Sei alla ricerca di un modello di base? Allora, non sprecare soldi negli accessori. Chi, invece, vuole un prodotto sofisticato può puntare alla funzione party: un vano a parte, che può essere aperto senza coinvolgere gli altri scomparti, perfetto per le feste.
Interessante sono anche i sistemi antivibrazione e lo sbrinamento automatico. Ci sono dei bambini piccoli in casa? Allora, ricerca la serratura per la porta del vano. Infine, da non tralasciare è la scelta dei materiali, che devono essere di buona qualità, così da resistere nel tempo.