Cassano: “Braccio de Ligt? E’ rigore. Niente fallo su Bonucci, è il difensore che tira la maglia. Lo fa sempre”

Antonio Cassano ha analizzato il tocco di braccio di de Ligt in Torino-Juventus

0
Antonio Cassano fonte foto: Antonio Cassano fonte foto: Di goatling - Flickr: [1], CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=45086451
Antonio Cassano fonte foto: Antonio Cassano fonte foto: Di goatling - Flickr: [1], CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=45086451

La Juventus ha battuto il Torino sabato sera grazie alla prima rete in Serie A di de Ligt, arrivata su sviluppi di calcio d’angolo. A far discutere, però, è il rigore negato ai granata per un tocco di braccio del difensore olandese in area non sanzionato dall’arbitro e dal Var.

L’EPISODIO – Gli uomini di Mazzarri hanno protestato con l’arbitro Doveri per il tocco di de Ligt, arrivato dopo una spizzata ravvicinata di Belotti. In molti hanno analizzato l’episodio paragonandolo a quello di Lecce, per l’arbitro, però, il braccio era attaccato al corpo, quindi niente rigore.

L’ANALISI DI CASSANO – Sull’episodio si è soffermato anche Antonio Cassano, che ha risposto a chi sosteneva la presenza di un fallo di Belotti su Bonucci prima del tocco di de Ligt. Ecco le dichiarazioni:

“Quello di Belotti non è fallo, Bonucci per primo gli tira la maglia, fa sempre questa manfrina. L’ha fatto anche contro l’Atletico Madrid accentuando la spinta. ​Con il nuovo regolamento questo fallo di mano è calcio di rigore”.