Colonizzazione nascosta da Bitcoin

0

Gli imprenditori che usano Bitcoin aspirano a ricostruire Puerto Rico facendo affidamento su un’economia alimentata da una criptovaluta. Ma funzionerà per l’isola colpita dal devastante uragano Maria l’anno scorso?

Molti imprenditori interessati all’utilizzo della criptovaluta si sono recentemente trasferiti a Portorico per costruire quella che chiamano utopia digitale, che alcuni inizialmente chiamavano portotopia, e poi sol in seguito, mentre intendono sfruttare le commissioni. Basse tasse su quell’isola degli Stati Uniti.

Gli uomini d’affari che si sono recentemente trasferiti in Portorico vogliono anche mostrare al mondo quali saranno le città in futuro, attraverso l’uso di un sistema tecnologico per proteggere le transazioni finanziarie via Internet, noto come il sistema Blockchain, nonché l’accesso all’uso di criptovalute, come bitcoin.

Bitcoin supera l’oro per la prima volta

Ma non è chiaro a chi diventerà questo futuro – per la minoranza o la maggioranza – e la forza trainante per cambiare la situazione su quell’isola. Usa il Bitcoin Era App per ottenere il massimo da esso.

Puerto Rico è stato distrutto l’anno scorso dopo l’uragano Maria, ma con un’assistenza insufficiente da parte degli Stati Uniti, l’isola deve disperatamente investire nella ricostruzione della sua infrastruttura.

Puerto Rico stava già vivendo gravi difficoltà finanziarie prima di sperimentare questo disastro. Questo può aiutare un po’ a spiegare perché le autorità locali sono attente ad accogliere gli imprenditori con criptovalute.

Il termine colonialismo nascosto non è nuovo. Fu coniato 18 anni fa ed è stato scritto dall’autore Michael Hersfeld, professore di scienze sociali all’Università di Harvard negli Stati Uniti.

Il termine colonialismo nascosto inizialmente si riferiva principalmente a paesi come la Grecia e la Tailandia in cerca di indipendenza politica a spese di una significativa dipendenza economica da altri paesi.

Questi paesi sono nominalmente indipendenti, ma la loro cultura nazionale viene rimodellata per adattarsi ad altri modelli e stereotipi stranieri che li supportano economicamente. Il termine colonialismo non si esprime qui attraverso l’uso di armi, ma è invisibile distruggendo i costumi e la cultura nazionali.

Sfortunatamente, questa definizione rimane applicabile alle conseguenze economiche e sociali dell’idea di un’utopia digitale con criptovalute.

Mentre i miliardari digitali in monete godranno di nuovi guadagni acquistando le terre dell’isola di Porto Rico sul Mar dei Caraibi, i poveri locali con una conoscenza tecnologica insufficiente saranno privati di questi guadagni.

Gli imprenditori che si sono riversati a Puerto Rico l’anno scorso e hanno pianificato di fare di più rispetto alla prima apertura bancaria per le valute digitali probabilmente porteranno più idee liberali su quell’isola.

La valuta virtuale di Bitcoin deve essere utilizzata con cautela negli investimenti

La loro idea di utopia digitale è simile al concetto di una libera repubblica del Liberland, i cui fondatori dicono che è un piccolo paese sulla riva occidentale del Danubio, in una regione disabitata tra Croazia e Serbia, con una superficie di soli sette chilometri, e usare bitcoin come valuta formale per lei. L’hanno annunciato nel 2015, ma non ha ottenuto il riconoscimento da nessuno dei suoi vicini o delle Nazioni Unite.

Tornando a Seul, o la desiderata città virtuosa di Puerto Rico, gli imprenditori che vi si recano vogliono utilizzare il sistema Blockchain per transazioni sicure e codificate in elezioni decentralizzate, nonché nell’emissione di carte d’identità. Ma dubitiamo che i locali che combattono quotidianamente la povertà siano entusiasti di queste idee.

Un tale approccio profuma di ciò che è noto come capitalismo di emergenza, che si riferisce allo sfruttamento di crisi economiche o naturali per rimodellare e formulare una società, per diventare una società in cui prende piede una visione globale e liberale con un eccessivo orientamento capitalista.

Quando vivi senza elettricità per diversi mesi e senti che gli altri ti hanno ignorato, qualsiasi offerta di assistenza sarà la tua linfa vitale, indipendentemente da eventuali conseguenze.

Ma tali virtuose città digitali possono anche causare ingenti danni ambientali. Puerto Rico sta ancora affrontando una grave crisi nella fornitura di elettricità, il che rende praticamente impossibile stabilire una città digitale in utopia sulle sue terre.

Una transazione finanziaria che utilizza bitcoin consuma circa 215 kilowatt all’ora di elettricità, che è elettricità sufficiente per fornire dozzine di case sull’isola quando la rete è a piena capacità.