Costume da bagno intero o due pezzi: quale scegliere?

0

Sentirsi bene quando si sta al mare o in piscina è fondamentale, infatti esporre il proprio corpo non è mai facile, soprattutto quando non ci si trova in forma perfetta. Per evitare disagi, che potrebbero compromettere un momento di relax, è indispensabile scegliere il costume da bagno più adatto a seconda del proprio fisico. La decisione più importante riguarda il modello, intero o a due pezzi, perciò vediamo alcuni consigli utili per capire quale opzione sia la migliore tra le due.

Il costume intero: per chi è adatto?

Il costume da bagno intero era molto molto utilizzato in passato, poi era stato messo un po’ da parte dalle mode degli ultimi anni, a favore di una maggiore libertà nell’esposizione del corpo femminile. Ultimamente però è tornato in grande auge, tanto che oggi è un indumento estremamente ricercato sia dalle ragazze che dalle donne. Come si evince dalle collezioni di Margarita Moda Mare, un brand italiano specializzato nella realizzazione di costumi da bagno, questo modello permette di scegliere tra un’ampia gamma di forme, colori e design.

Ad esempio esiste il costume intero classico, a tinta unita o stampato, una soluzione ideale per chi vuole sentirsi elegante e raffinata, poiché permette di slanciare la silhouette, mettendo in mostra le gambe e nascondendo invece la pancia. Uno stratagemma perfetto per le donne che possiedono delle belle gambe, le quali possono evitare di mostrare qualche chilo di troppo nella zona dell’addome. Oltre ai modelli tradizionali sono disponibili anche gli originali monospalla, indicati per le persone molto magre.

In generale il costume intero va bene per le donne longilinee, abbastanza alte e con un seno non eccessivamente prosperoso. In questo caso la scelta migliore è il monospalla, oppure un modello classico piuttosto scollato che lascia gran parte della schiena scoperta. Ovviamente il costume da bagno intero si può usare anche con un fisico più abbondante, sia per quanto riguarda qualche chiletto in più che delle forme più voluminose. A tal proposito conviene propendere per un costume più accollato, possibilmente con stampe a fiori o a tinta unita, magari indossando un pareo se glutei e gambe non sono in perfetta forma.

Il costume a due pezzi: quando indossarlo?

Oggi si possono trovare in commercio tantissimi modelli di costume da bagno a due pezzi, classico, vintage o a fascia, in grado di adattarsi a qualsiasi necessità. Quello più tradizionale prevede uno slip abbastanza coprente, con design a tinta unita, stampe geometriche o floreali. Solitamente è indicato per le ragazze e le donne magre o con un pesoforma medio, con un seno poco voluminoso, soprattutto se si tratta di persone sportive con un corpo sodo e tonico. L’outfit a due pezzi consente di mostrare le forme, ma non bisogna esagerare altrimenti si corre il rischio di diventare volgari.

Le donne più prosperose possono optare per il costume a due pezzi vintage, i classici modelli anni 50, ideali per chi ha delle forme curvy, meno per le persone molto magre e alte. Questi modelli prevedono degli slip a vita alta, sono comodi da indossare e adatti anche alle donne con un seno considerevole. L’outfit può essere completato con qualche accessorio originale, ad esempio un pareo trasparente, un cappello di paglia che permette di ripararsi anche dal sole, oppure degli occhiali dalla montatura retrò, per essere pronte per la spiaggia ma anche all’aperitivo.

Infine esiste anche il due pezzi a fascia, tanto popolare oggigiorno, che rimane una buona scelta per le donne meno magre e longilinee. La struttura di questo costume è decisamente confortevole, infatti permette di prendere il sole sulle spalle e non stringe il petto come i modelli a due pezzi classici. L’utilizzo può essere molteplice, ad esempio si può indossare per ottenere un’abbronzatura più omogenea, specialmente sul décolleté, oppure per rimanere comode evitando i disagi tipici di altri modelli, comuni quando si possiedono delle forme più pronunciate.

Intero o due pezzi: come scegliere il costume da bagno giusto?

Come si può vedere non esiste una regola precisa, infatti la scelta del costume è una decisione personale, da prendere in base alle proprie esigenze, alla condizione fisica del momento e all’effetto che si desidera ottenere. Entrambi possono abbinarsi perfettamente con qualsiasi silhouette, scegliendo con cura e attenzione il modello giusto, il design e la decorazione del costume. L’intero è molto in voga, dona un aspetto elegante ed è utile per varie situazioni, dalla piscina alla spiaggia, fino all’aperitivo in riva al mare.

Il due pezzi rimane un costume più pratico, nonostante metta spesso a disagio le donne che non sono in forma smagliante, per via dell’esposizione della zona dell’addome. L’importante dunque è acquistare un costume che prima di tutto consenta di sentirsi bene con se stesse, possibilmente di buona qualità, magari facendosi consigliare da un commesso esperto, in grado di indicare l’opzione più congeniale a seconda della persona. In linea di massima è consigliabile avere sempre dei modelli differenti, per alternarli in base al momento e allo stato d’animo, creando degli outfit perfetti per godersi il meritato relax in spiaggia o in piscina.