Covid, le parole di De Luca sul DPCM. Giugliano rischia di diventare la nuova Arzano?

0
Foto di Google Contrassegnata per essere riutilizzata

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha parlato dell’attuale situazione in Campania. Il governatore ha affrontato vari temi, parlando della zona gialla e delle possibili conseguenze derivanti da tale decisioni del governo.

Avete verificato che la regione Campania è stata collocata nella zona gialla. Questa classificazione ha determinato qualche sorpresa: c’era molta gente che si aspettava una collocazione diversa. Premesso che a me le collocazioni non fanno né caldo né freddo, noi ci siamo dati una linea. Qualcuno si aspettava che la Campania fosse inserita nelle zone rosse e si è determinato questo fenomeno: la Campania per due mesi ha subito un’aggressione mediatica”.

Vincenzo De Luca, quindi, a prescindere dall’ultimo DPCM, ha intenzione di non sottovalutare la situazione e mettere in allerta la popolazione. Per questo motivo, l’ordinanza numero 89 va a prorogare tutte le misure attualmente in vigore.

De Luca ha poi parlato dell’attuale situazione in Campania, lanciando un grido di preoccupazione per Napoli in generale ma soprattutto per la città di Giugliano: “Nessuno pensi di festeggiare perché non c’è niente da festeggiare. La città di Napoli ha 1046 positivi. La maggior parte sono asintomatici, ma loro il contagio lo diffondono ugualmente. Giugliano 116 positivi, è una delle situazioni più preoccupati. Arzano 24, Caserta 65, Aversa 109 positivi, Somma 50, San Giorgio 45, Nola 57, Ercolano 48, Salerno 56, Acerra 30, Marano 62, Marcianise 41, Melito 35, Ottaviano 50, Marigliano 28, Scafati 22. Dobbiamo stare attenti, altrimenti andiamo in zona strarossa. Dobbiamo fare un grande sforzo unitario per contenere il contagio“.

La situazione nella città di Napoli e soprattutto a Giugliano è diventata preoccupante. Non è da escludere una possibile decisione a sorpresa la prossima settimana e far di Giugliano la nuova Arzano. Prima di prendere tale decisione, però, è necessario vedere cosa succede nei prossimi giorni.