Da Twitch a Starvegas: la nuova frontiera del gioco è il live

0

Mobile, digitale, a distanza, da remoto. Adesso anche live. Il mondo del gaming è in costante cambiamento, proviamo a spiegarvi verso quali lidi sta andando.

 Tempo fa per giocare ai videogame serviva avere un computer, un cd rom, una play station, dei controller, delle consolle. Ora, invece, non è più così. Sembra passata un’era geologica da quando ci si riuniva in casa, con gli amici, a fare tornei e partite attaccati ai joy stick e ad uno schermo. Oggi il mondo del gioco è cambiato.

È cambiato per colpa, o per merito, della digitalizzazione, di internet, di una rete più veloce e soprattutto più accessibile a tutti. Si gioca quindi soprattutto online, si gioca a distanza, si gioca sempre di più da mobile, da cellulare, riuscendo ad accedere ai propri contenuti preferiti in qualsiasi momento e in qualsiasi spazio. Adesso però la nuova frontiera del gioco è quella del live streaming.

Tra Twitch e altri social

Il nuovo binomio nasce da due crescite che a un certo punto si incontrano. La prima è quella di Twitch, la piattaforma di live streaming acquistata da Amazon ormai otto anni fa, capace di registrare una crescita del 97% nel 2020, l’anno della pandemia da Covid 19, del lockdown e delle restrizioni. 12 milioni di canali e 6,3 miliardi di spettatori, sono i suoi numeri. L’altro segmento di crescita è invece quello del gambling online, ovvero il gioco d’azzardo legale e pubblico che si sviluppa proprio sulla rete.

Ad oggi sono infatti più di 1.200 i canali italiani che trasmettono video di gioco d’azzardo e 2 dei 5 top streamer di Twitch che propongono contenuti di gambling sono italiani. Per questo molte aziende del settore hanno deciso di investire sul live gaming: lo ha fatto Starvegas, che sta puntando sul gioco dal vivo per aumentare le interazioni degli utenti e per proporre una nuova esperienza di gioco.

I live streaming si stanno poi diffondendo anche nel mercato e nell’universo degli eSports, ovvero i giochi elettronici. Si assiste per capire come funziona un gioco, quali sono le skills, quali sono le mosse da fare, oppure per interagire, per chiedere un consiglio, per conoscere nuove persone. Insomma, per giocare e stare insieme, anche se solamente online. Qualcosa di importante, che abbiamo capito solo durante una pandemia mondiale.