Ffp2: quante volte e come sterilizzare le mascherine

0
ffp2

Dopo che il Governo ha varato l’ultimo decreto anti-covid, l’uso della mascherina Ffp2 è diventato obbligatorio su tutti i mezzi di trasporto e i luoghi pubblici. Le mascherine ffp2 sono disponibili con o senza valvola, monouso (identificabili dalla sigla NR) o riutilizzabili (identificabili dalla lettera R). In questo caso si possono quindi igienizzare e riusare nuovamente.

I ricercatori del Beth Deaconess Medical Center e del MIT hanno testato in laboratorio quali sono gli effetti di sanificazione utilizzando il perossido di idrogeno vaporizzato. I ricercatori hanno poi cercato di determinare se la ripetizione del trattamento avrebbe influito sull’integrità delle mascherine. Lo studio ha quindi dimostrato che anche dopo 25 cicli, la capacità filtrante delle mascherine non veniva compromessa.

Tuttavia, il processo richiedere strumenti di vaporizzazione che sono disponibili soltanto in contesti ospedalieri e di laboratorio. La dottoressa Christina Yen, autore principale dello studio, ha così osservato: “Ora è importante trovare il modo di  tradurre questa capacità di disinfezione in altri contesti, così come in strutture sanitarie con risorse limitate. Queste potrebbero beneficiare altrettanto di questo tipo di trattamento dei dispositivi per affrontare futuri scenari pandemici”.

È bene quindi ricordare che le mascherine monouso possono essere indossate una sola volta e poi buttate. Nello specifico la mascherina chirurgica può essere utilizzata una sola volta, per non più di 8 ore. L’impiego di disinfettanti potrebbe danneggiare il tessuto e, quindi, esporre al contagio.

Le mascherine Ffp2 ed Ffp3, se non riutilizzabili (NR) possono essere usate per non oltre 8 ore. Se riutilizzabili (R) possono essere trattate con una soluzione idroalcolica disinfettante spray al 70%.