Genoa-Napoli: 2-3 Marika Fruscio dixit

0

Al Marassi il Napoli vince e si riporta in testa alla classifica a 28 punti. Non è stata una partita semplice anche perché pronti-via il Genoa si è portato subito in vantaggio grazie a Taarabt, sapendo a tratti mettere in difficoltà il Napoli grazie ad un gioco veloce e particolarmente dinamico, specie sulle fasce.

Il Napoli parte quindi non al massimo ma basta una punizione di Mertens a cambiare l’inerzia alla gara. Il belga sfrutta bene il suggerimento chirurgico di Diawarà. Stoppa la palla in corsa di destro e col sinistro trafigge Perin. Un goal da manuale!

Da qui il Napoli comincia a giocare da Napoli stancando  l avversario che  , nel giro di poco,  sembra perdere energie. Pericolosi in area Mertens, Hamsik e Zielinsky .

I rosso-blu sono costretti ad abbassarsi, difendendo la propria area ma Mertens è imprendibile e merita di portare il pallone a casa. I cambi di Sarri nella ripresa, atti a far rifiatare pedine importanti in previsione della sfida in Champions, non sono particolarmente convincenti: Rog al posto di Callejon, Zielinsky spostato sulla fascia ed Insigne più accentrato rendono meno dinamica ed incisiva la manovra.

Cosi il Genoa ne approfitta per cercare di accorciare le distanze .Lapadula prova ad essere pericoloso nell’area ospite ma poi chi sigla il 2-3 è Izzo .Tale rimonta non basta. E’ il Napoli che porta a casa i tre punti….seppur sofferti.