Inter, chance per il giovane Miangue contro il Pescara

0
Da Joao Mario a Jovetic, passando per il mercato e, naturalmente, la sfida di domani a Pescara. Su questo canovaccio è scivolata via la conferenza stampa alla Pinetina della vigilia di Frank de Boer, neo allenatore dell’Inter. “Non voglio parlare di Joao Mario titolare o meno, tutti sono pronti ad iniziare, forse a parte Ansaldi e Andreolli. Vediamo domani chi giocherà, Joao è pronto e sarà lì con noi”. Sul concetto di squadra: “Vedo un gruppo unito, vorrei ora che tutti avessero la stessa idea di gioco, che si attaccasse e si difendesse insieme, in questo modo potremo ottenere punti. Bisogna andare al di là del risultato. Se si vince e non si gioca bene però è un problema”. Sulla questione modulo, invece: “Il 4-2-3-1 con Joao Mario e Medel affiancati è possibile. E’ un buon sistema, come anche il 4-3-3 con un centrocampista più difensivo in mezzo”. Domanda successiva: l’Inter non è stata costruita da lei: bisogna rivedere i piani? “Da quando ho iniziato non ho guardato quello che è stato fatto con Mancini, ho questa squadra, ho fiducia in questa squadra, penso che potremo fare bene e non bado a quello che c’è stato prima”.
 PESCARA — Poi si parla di Pescara, avversaria dell’Inter nel prossimo turno di Serie A, come prima, possibile gara “vera” della stagione nerazzurra: “E’ difficile ancora trasmettere le mie idee di gioco, non abbiamo ancora mai giocato 11 contro 11 qui ad Appiano. C’è ancora da lavorare su questo aspetto. Domani inizia un nuovo capitolo sicuramente”. Infine, due parole su Jovetic, quasi sicuro partente fino a poco prima della chiusura del mercato: “Lui può diventare molto importante per noi (al pari di tutti gli altri giocatori della rosa), ha grandi qualità, sta dimostrando di allenarsi con la giusta mentalità”.
SORPRESA SULLE FASCE- Si avvicina cosi a grandi passi il fischio d’inizio di Pescara-Inter, gara che i nerazzurri sono chiamati a vincere per sbloccarsi finalmente dopo due risultati deludenti. Alla vigilia del match dell”Adriatico’, ‘Tuttosport’ analizza le possibili mosse di Frank de Boer per quanto riguarda la fascia, considerando le defezioni di Ansaldi e Nagatomo (il giapponese in realtà potrebbe giocare, per ammissione del tecnico olandese in conferenza stampa, ndr). Secondo il quotidiano torinese, l’ex Ajax potrebbe spiazzare tutti puntando dal primo minuto sul giovanissimo Senna Miangue. Nell’ultima gara contro il Palermo, il belga classe 1997 è apparso in condizioni fisiche migliori rispetto al deludente Santon e per questo la soluzione a sorpresa di de Boer potrebbe essere lui, con D’Ambrosio schierato sull’altro lato.