domenica, Aprile 14, 2024
HomeSportCalcioInter, Conte ora preoccupa: l'Europa League potrebbe non bastare a trattenerlo

Inter, Conte ora preoccupa: l’Europa League potrebbe non bastare a trattenerlo

Ore di tensione all’interno dello spogliatoio nerazzurro. La squadra, attesa a concludere in bellezza una stagione tutto sommato positiva, scenderà in campo stasera con un dubbio in più. Cosa farà Antonio Conte all’alba di domani, qualche ora dopo la conclusione dell’Europa League? Il tecnico salentino infatti preoccupa per i tanti malumori dimostrati durante l’ultimo periodo e potrebbe clamorosamente anche meditare un addio ad un solo anno dal suo arrivo all’Inter.

I particolari di questo incredibile retroscena vanno ricercati nelle recenti esternazioni dello stesso Conte che ha accusato più volte la società di un certo disinteresse. Accuse che hanno ferito e non poco la suscettibilità del patron Zhang e che ora fanno temere l’epilogo meno sperato. A tutto questo ci si aggiunge la tensione per un match che potrebbe regalare al club il primo trionfo internazionale dopo un decennio di digiuno. Non certo l’atmosfera più serena per avere un confronto con i manager nerazzurri. 

A lanciare la bordata sul futuro in nerazzurro ci ha pensato “La Gazzetta dello Sport” che analizza il momento delicato di allenatore e squadra. Per il momento Conte sembrerebbe predicare la calma e la concentrazione su un match così importante, ma in cuor suo sa che se le cose non dovessero cambiare il divorzio sarebbe appena qualche minuto dopo il fischio finale della gara.

Parole che però non fanno altro che rinforzare i dubbi su un futuro quanto mai incerto. Conte è insoddisfatto dell’impegno della società finora e pensa che le sue ambizioni di vittoria possano venire minate proprio dalla rilassatezza dimostrata in questi mesi. Nonostante l’arrivo di Hakimi, sugli altri nomi voluti dal coach leccese continua ad aleggiare l’impronosticabilità più completa. Tonali è sempre ad un passo dalla chiusura, così come Emerson e Kumbulla. Inoltre le tanti voci di addio di suoi fedelissimi confonde l’ex ct circa la volontà del club di migliorarsi di anno in anno.

Nessuno è stato messo ufficialmente sul mercato ma Skriniar, Brozovic, Lukaku e Lautaro Martinez sono sempre più accostati a questo o quel club. La paura di perdere delle colonne dello schieramento contiano è più che fondata poiché Zhang ha già fatto sapere che il prossimo mercato dell’Inter dovrà essere del tutto autofinanziato. Nemmeno gli eventuali introiti derivanti da una vittoria in finale di Europa League riuscirebbero a scongiurare la diaspora. Conte medita e si guarda attorno. Le panchine in A scarseggiano. Che sia di nuovo il momento di volare all’estero?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME