Inter, qualificazione sfumata e Var sotto accusa. Lautaro derubato di un gol

0
Lautaro Martinez
Lautaro Martinez, giocatore dell'Inter impegnato in Copa America con la albiceleste argentina. Foto Wikimedia Commons

La sconfitta di ieri sera brucia ancora tanto nei cuori dei tantissimi tifosi nerazzurri che si dicevano convinti di riuscire nell’impresa di qualificarsi alla fase successiva di Champions. La gara contro il Barcellona privo delle sue stelle più luminose si è invece dimostrata in salita già dalle prime battute. I ragazzi terribili sfornati dalla “cantera” più prestigiosa del mondo hanno messo a dura prova gli uomini di Conte per tutti i novanta minuti. E non è un caso che a firmare il gol ammazza-speranze ci abbia pensato l’appena diciassettenne Ansu Fati, guineano entrato nell’universo blaugrana a soli 10 anni.

L’Errore di Kuipers sbarra la strada verso la fase successiva

Eppure più di qualcuno pare non volerci stare a dare per buono un risultato che sul campo ha lasciato più di qualche sospetto. A lanciare ombre sull’operato degli arbitri chiamati a dirigere il match è “Il Corriere dello Sport” nella sua moviola post gara. Il signor Kuipers, per il quotidiano sportivo, non è stato certo esente da errori, anzi, pare aver forse deciso in negativo l’esito del match e quindi della mancata qualificazione.

L’episodio più eclatante è quello del gol annullato a Lautaro Martinez che avrebbe portato sul 2-1 l’Inter a pochi giri di lancette dalla fine. Un gol che forse avrebbe potuto indirizzato il match verso un finale più sereno e verso una qualificazione da tanti auspicata.

Il fatto incriminato succede a dieci minuti dalla fine, ben sette prima della seconda rete blaugrana. Sull’invito di Politano sembra proprio che Samuel Umtiti vada sul pallone con la chiarissima intenzione di intervenire e bloccare l’azione offensiva interista. Secondo l’analisi del Corriere questa intenzionalità rimetterebbe in gioco Romelu Lukaku che poi servirà il pallone a Lautaro Martinez per il tap-in vincente.

L’arbitro nel giudicare l’accaduto ha proteso verso un intervento fortuito e non dettato dalla volontà di deviare la traiettoria, insidiosa, della palla. Eppure le immagini valutate a qualche attimo di distanza dall’episodio forse suggerirebbero proprio il contrario. Ombre, come dicevamo prima, che ora trasformano l’intera lettura della gara e che accrescono vertiginosamente l’amarezza e il rimpianto. E il VAR continua a deludere…