Juventus, Martusciello: “Potremmo non vincere subito”. Tra i tifosi scoppia la polemica

Ai tifosi della Juventus non sono piaciute le dichiarazioni del vice di Maurizio Sarri

0
Logo Juventus, Juve fonte By Interbrand (Milan, Italy) - Unknown, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=55074500
Logo Juventus, Juve fonte By Interbrand (Milan, Italy) - Unknown, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=55074500,

Non sono andate giù a gran parte dei tifosi della Juventus le dichiarazioni di Giovanni Martusciello, vice di Maurizio Sarri, intervenuto allo Juventus Official Fan Club di Ischia. Martusciello ha spiegato ai presenti il lavoro che Sarri ha intenzione di portare avanti, ma ribadendo che ciò potrebbe portare anche a non vincere nulla nell’immediato. Ecco le parole:

“E’ chiaro che avere tutto e subito non è semplice, se ci soffermiamo al risultato andremo incontro a delle difficoltà enormi, quindi bisogna estraniarsi dal risultato finale, che può essere vittoria o sconfitta come è stato, e cercare di far capire a questi ragazzi che la strada per arrivare alle vittorie deve essere un’altra, che non significa chiaramente vincere nell’immediato.

Purtroppo abbiamo ereditato una squadra ultravincente e non è semplice intervenire in maniera netta, dobbiamo confermare quanto di buono hanno fatto i nostri predecessori, ma attraverso un’idea. Non è semplice avere dei risultati nell’immediato. Non c’è una data fissa, non si può dire tra un mese, tra due mesi, tra cinque mesi o tra otto mesi, però c’è grande disponibilità da parte dei ragazzi, si stanno facendo delle cose che prima non si facevano, perché non si riuscivano a comprendere bene e a sprazzi vengono delle prestazioni dove bisogna cercare di portare l’idea comune in quella direzione. Ecco perché a volte si riesce e a volte meno”.

Le parole di Martusciello hanno scatenato la reazione dei tifosi bianconeri sul web: c’è chi ha criticato ampiamente Sarri, chi rimpiange Allegri e chi non ammette alcun anno di transizione per una squadra così forte. Non manca però chi sostiene il tecnico ex Chelsea, che per convincere una tifoseria abituata a vincere dovrà portare necessariamente risultati.