martedì, Marzo 5, 2024
Home Blog

Klopp “Avrei voluto Zielinski a Liverpool”

0

Jurgen Klopp ha affermato in conferenza stampa che avrebbe voluto il calciatore polacco nel 2016. Ora lo troverà da avversario

La grande sfida di stasera si fa attendere e a montarla per bene ci sono i grandi protagonisti. Jurgen Klopp, allenatore del Liverpool, ha speso parole al miele per i partenopei ma sopratutto su quello che era un suo pallino anni fa.

Piotr Zielinski, infatti, si è visto vicino a vestire la maglia dei reds nel 2016. Ora il suo destino è di continuare con la maglia azzurra, intanto stasera affronterà l’allenatore tedesco che si dice grande estimatore del giocatore.

Tutte le dichiarazioni di Klopp nella conferenza stampa

Thiago Alcantara è tornato ad allenarsi, verrà gestito o può scendere dall’inizio? Henderson?
“Thiago ha fatto il secondo giorno di allenamento, è pronto, ma non so per quale minutaggio. Per Jordan attendiamo l’ecografia ma dovrebbe rientrare dopo la sosta”.

Arthur è un’opzione per domani o deve ambientarsi ancora?
“Ha bisogno di giocare a calcio, che sia in partita o allenamento, l’abbiamo integrato in gruppo, non si era allenato con la Juve collettivamente. Ha la capacità di scendere in campo per un certo minutaggio, ma non per tutta la partita. Deve abituarsi a certi livelli, la Champions non è meno intensa della Premier, anzi soprattutto qui e dovremo stare attenti…”

Nelle 3 precedenti sfide qui non è andata benissimo, cosa deve fare di diverso?
“Sia col Dortmund che col Liverpool abbiamo perso, ma nello stesso girone poi due volte siamo andati in finale di Champions (ride, ndr). Io tendo a fiorire un po’ più tardi, forse ci metto 2-3-4 volte per andare bene, ma dovremo giocare bene rispetto alle altre sfide. Non giocammo bene, anche per merito del Napoli che è molto forte”.

Spalletti ha detto che ha messo il cappellino alla Klopp per avvicinarsi al suo mito.
“Lo incontrai ai tempi dello Zenit, se avessi il suo fisico alla sua età non sentirei il bisogno di mettere il cappellino (ride, ndr). Ha lavorato in tutto il mondo, si vede subito dall’identità che dà alle sue squadre, non vedo l’ora di incontrarlo in campo”.

Come stanno Jones e Carvalho?
“Jones non è così grave come si temeva, Carvalho ha ripreso a camminare ma non è in grado di allenare, speriamo possa tornare per il weekend”

Ha visto il Napoli con la Lazio, che idea ha avuto di questa squadra rinnovata e con tanti giovani?
“Sono tutti giovani ma molto forti e competitivi, non sono sicuro, ma credo che qualche tempo fa ci sia stato un po’ di nervosismo per le partenze di alcuni giocatori, ma ora se ho capito bene le cose si sono calmate e ne sono contento. Zielinski è rimasto lo stesso, si può costruire la squadra intorno a lui. Hanno intensità, hanno diversi approcci alla gara. Spalletti è rimasto sempre molto calmo in quella situazione di nervosismo, è perfetto per il Napoli”.

Trova Napoli pericolosa? Il vostro club sui social ha messo in guardia i tifosi sui pericoli in città, lei che idea ha?
“Credo che lei stia cercando dei titoli, lei è di Napoli? Pensa sia pericolosa? Io non lo so, non ci vivo, io vengo protetto con la scorta, ho la sensazione che lei non sappia cosa chiedermi. Lei sa a cosa era riferito? C’è il rischio per gli scontri tra i tifosi, ma io non conosco la città, non ci vivo, non sono qui per darvi titoli, io vorrei solo andare in albergo e concentrarmi sulla partita. Voi non sapete cosa chiedermi”.