Maradona e la presunta lite con il medico nel giorno della morte: i dettagli

0
Diego Maradona, fonte By Doha Stadium Plus Qatar - Flickr: Diego Maradona, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=28834908
Diego Maradona, fonte By Doha Stadium Plus Qatar - Flickr: Diego Maradona, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=28834908

Nelle ultime ore Il Mattino ha provato a far luce sulle diatribe legali che si sono scatenate circa la morte di Diego Armando Maradona. Il funesto evento infatti è poco chiaro ed il susseguirsi di voci in merito agli accaduti risulta molto confuso.

A suscitare grandi polemiche vi erano state ad esempio le dichiarazioni, poi ritirate, di Dahiana Gisela Madrid, l’infermiera personale di Diego. La donna aveva affermato di essere stata costretta a firmare una dichiarazione secondo cui aveva controllato le condizioni del Pibe per tutta la mattinata.

La versione dei fatti è però cambiata nella versione raccontata in seguito dall’infermiera: secondo le parole deposte in aula Dahiana avrebbe lasciato riposare Maradona senza andarlo a disturbare, per poi fargli visita solo a mezzogiorno, accompagnata dallo psichiatra Agustina Cosachov e dallo psicologo Carlos Díaz, da poco arrivati nell’abitazione.

Altra pedina importante della vicenda è ovviamente il medico personale di Maradona, Luque. Il dottore però non può essere interrogato al momento poiché su di lui pende l’accusa di omicidio colposo. Secondo i media argentini infatti, qualche giorno prima della morta del D10S, tra il medico e l’ex calciatore vi sarebbe stato un acceso litigio, da cui sarebbe scaturita anche una spinta.

Molta è dunque la strada da fare per risalire alla verità. I testimoni da ascoltare sono tanti: tra questi vi sono ad esempio Claudia Villafane e le sue tre figlie Dalma, Gianinna e Jana. Una morte straziante ed al momento molta misteriosa su cui dunque bisogna far necessariamente luce.