Marotta sulle tracce di Marc Roca, pilastro dell’Espanyol

0
Marc Roca
Marc Roca, mediano dell'Espanyol sulle cui tracce sarebbe l'Inter. Fonte Youtube

Ritorna d’attualità il nome di Marc Roca in casa Inter. L’a.d. Beppe Marotta aveva iniziato a tenerlo sottocchio da febbraio, da quando il forte ventiduenne inanellò una serie di ottime prestazioni per il suo Espanyol. Adesso, a distanza di qualche mese, torna prepotentemente alla ribalta il nome del catalano che potrebbe vestire il nerazzurro già a giugno.

Il classe ’96, cresciuto calcisticamente nella cantera biancoblu dell’Espanyol , è un mediano moderno dotato di un gran senso della posizione e buon fisico. E’ il metronomo del centrocampo spagnolo U21, di cui nell’ultimo triennio è diventato il riferimento principale.

A rilanciarne le intenzioni di mercato è il quotidiano sportivo As che, dalle sue colonne dichiara:”C’è un club che da gennaio è rimasta incantata dal gioco del nazionale spagnolo Under 21 ed è l’Inter. I dirigenti nerazzurri hanno provato a prendere il giocatore nel mercato invernalo, in estate torneranno alla carica, secondo fonti vicine al giocatore  e al club biancoblu”.

Il motivo dell’interesse verso Roca è duplice. Oltre agli evidenti problemi sulla linea mediana, che sono costati diversi punti in campionato e che troverebbero finalmente una soluzione, Roco rappresenta un primo tentativo di svecchiamento della squadra. L’Inter al momento ha uno degli organici più anziani della Serie A con una media di 29 anni. La dirigenza è convinta che inserire giocatori con maggiore freschezza atletica potrebbe aiutare la squadra nei momenti di cali prestazionali.

La trattativa

Marc Roca è legato all’Espanyol da un contratto che terminerà a giugno 2022 e da una clausola di rescissione da 40 milioni di euro. Ausilio e Marotta sono al lavoro per cercare uno sconto sul prezzo del mediano, magari inserendo nella trattativa bonus legati al raggiungimento di obiettivi personali o di squadra. L’entourage del catalano intanto non sembra del tutto convinto del passaggio in nerazzurro. Il giocatore è ancora giovane e un altro anno in Spagna non guasterebbe. Sta a Zhang e collaboratori convincere della bontà del loro progetto sia il giocatore che i suoi agenti.