Sampdoria, Carpi, Hellas Verona e Frosinone: Mihajlovic non può più sbagliare

0

Le ultime due ( non ) prestazioni contro Atalanta a S. Siro e Juventus in trasferta hanno fatto traballare nuovamente la panchina di Sinisa Mihajlovic. Il tecnico rossonero, dopo gli 11 punti in 5 gare racimolati prima delle ultime due uscite, sembrava aver trovato la giusta strada verso i piani alti della classifica. E invece, così non è stato, perchè la squadra rossonera è apparsa ancora una volta debole e rinunciataria, incapace di costruire gioco nonostante evidenti migliorie difensive. Il big match dello scorso week-end allo Juventus Stadium è stato un incontro disputato totalmente in trincea, in attesa che i bianconeri avanzassero, nel tentativo ( fallito ) di ripartire per far male in contropiede; un atteggiamento troppo da provinciale, che una società come il Milan non può certamente permettersi. Mihajlovic deve trovare il bando della matassa e per la prossima sfida interna alla Samp di Vincenzo Montella, starebbe pensando di cambiare ancora modulo, optando per un 4-4-2 che vedrebbe il ritorno di Luiz Adriano dal primo minuto in coppia con Bacca e l’ utilizzo sulle ali di Cerci da una parte e Bonaventura dall’ altra. Un modulo, questo, che era stato nei pensieri del tecnico durante le due settimane di sosta, ma che non aveva trovato conferma nell’ utilizzo per la sfida dello Juventus Stadium. Le note liete per il tecnico serbo sono certamente il baby portiere Gianluigi Donnarumma, sempre in crescendo negli ultimi incontri e l’ affiatamento della coppia Alex-Romagnoli al centro della difesa, che nonostante alcune piccole disattenzioni, cresce di partita in partita. In testa alla classifica, Inter, Roma, Napoli, Fiorentina e Juventus continuano a marciare spedite e se i rossoneri vogliono agganciarle, dovranno obbligatoriamente conquistare bottino pieno nelle prossime 4 uscite precedenti alla sosta natalizia: Sampdoria ed Hellas Verona in casa, Carpi e Frosinone in trasferta. Un filotto non impossibile, ma necessario, se Mihajlovic vuole tenersi stretto la propria panchina e dare credibilità alle proprie parole: ” Il nostro obiettivo è arrivare tra le prime a Giugno “.