Napoli 3-2 Empoli, Gattuso: “Non è questione di modulo, ci sono altri due problemi”

0
fonte: google immagini contrassegnate per essere riutilizzate

Ancora una volta il Napoli è sceso in campo in maniera non esaltante. Anche contro una squadra di Serie B, seppur capolista, gli azzurri hanno faticato e sono riusciti a passare il turno grazie ad un gol fortuito di Andrea Petagna all’interno dell’area di rigore.

Al termine della partita il mister Rino Gattuso ha rilasciato alcune dichiarazioni. Sulla questioni dei cellulari, l’allenatore ha dichiarato che ha sbagliato ad esprimersi: “Io ho detto che non dovevano leggere, ma per non farsi influenzare, come Fabian ed altri che vengono contestati. Come quando giocavo, a volte preferivo non leggere nulla, quello era il mio sfogo, di non stare dietro alle chiacchiere perché ci sono momenti in cui vieni massacrato“.

Parlando di cazzate non ho usato un linguaggio perfetto, ma non ce l’avevo con chi mi ha risposto. Ce l’ho con chi ha detto falsità in questo mese, che volevo dimettermi, che sono malato, c’è qualche ex direttore che dice non devo allenare perché prendo cortisone e tante cattiverie. A me piace essere giudicato, non mi sono mai piaciute le falsità, poi divento maleducato, scorbutico, lo sono stato e mi scuso“.

Rino Gattuso, quindi, nella conferenza stampa di ieri ha corretto alcune parole forse troppo colorite rilasciate dopo la vittoria contro l’Udinese.

Il mister ha infine dichiarato: “Non è questione di 4-2-3-1 o 4-3-3, in questo momento stiamo venendo a mancare nelle occasioni che sistematicamente creiamo, concedendo poi campo agli avversari“.