Napoli, CdS – Luiz Henrique nel mirino del club: “Ultima tentazione”

Il Napoli sembrerebbe fare sul serio per Luiz Henrique: a parlarne i colleghi del Corriere dello Sport nell'edizione odierna

0
Fonte: Pexels. Foto di google immagini contrassegnate per essere riutilizzate.

Il Napoli sta approfittando di questa pausa dedicata ai Mondiali per fare ordine e continuare la sua scalata verso lo scudetto. Attualmente il club avrebbe messo gli occhi su Luiz Henrique del Betis Siviglia. Nelle scorse ore, ne aveva parlato Gianluca Di Marzio ai microfoni di Calciomercato l’originale.

Le parole di Gianluca Di Marzio

Il calciatore è un esterno d’attacco brasiliano classe 2001 del Betis Siviglia, arrivato in Liga quest’estate ed ex Fluminense. Il Napoli sta seguendo attentamente le sue gesta per portarlo eventualmente in azzurro in futuro.

In questa stagione ha segnato alla Roma nella fase a gironi di Europa League, pertanto si è fatto notare. Tuttavia, il club azzurro potrebbe decidere di mettere sul tavolo una trattativa solo con le eventuali partenze di Politano o Lozano.

Il CdS: “Ultima tentazione”

Il Corriere dello Sport ha intitolato l’articolo dedicato alla trattiva “L’ultima tentazione di De Laurentiis”. “Avanti non c’è posto o non ce ne sarebbe ma chissà tra otto mesi cosa succederà, se arriveranno pretendenti per Osimhen o per Lozano, per Politano o per Simeone o per chiunque altro: intanto, nel taccuino di Cristiano Giuntoli ci è finito Luiz Henrique (22 a gennaio), una promessa brasiliana del Betis Siviglia, bottega chiaramente costosissima dove il Napoli ha già fatto la spesa nel 2018, andandosi a prendere Fabian Ruiz a prezzo di clausola per niente economica: 30 milioni e via, senza lasciare rimpianti in nessuno.

Esterno offensivo di destra, che però sa distribuire la propria esuberanza anche a sinistra, Luiz Henrique è poliedrico, rientra nei parametri tecnici del Napoli ma pure in quelli anagrafici, viene monitorato attraverso ciò che ha fatto in questi mesi e anche nel suo passato alla Fluminense, e poi è un «bambino» che garantisce un ciclo abbastanza lungo” scrive il quotidiano.