Napoli, quella volta che De Laurentiis era disposto a ‘buttare i soldi dalla finestra’ per Politano

0
Matteo Politano
Matteo Politano, esterno destro dell'Inter. Fonte Youtube

Forse non tutti ricordano che Matteo Politano, prima di approdare definitivamente a Napoli nel corso della stagione attuale, è stato vicinissimo a vestire l’azzurro già nella sessione invernale di calciomercato del 2018. L’affare era ormai concluso, poi qualcosa andò storto negli ultimi minuti di calciomercato.

A provare a chiarire la vicenda, poco dopo la fumata nera, ci provò Aurelio De Laurentiis. Lo stesso presidente azzurro però non riuscì a capire per quale misterioso motivo di Politano a Napoli non si fece più niente. Ecco le parole proferite all’epoca dei fatti.

“Ho ricevuto una telefonata da Carnevali alle 22, che mi parla di Farias e 20 milioni ma non di Ounas. Alle 22.15 io e Chiavelli lo chiamiamo, creiamo una quarantina di pagine di contratto e via PEC alle 22.48 le facciamo arrivare nelle mani di Carnevali, che dice che ha le linee occupate“.

“Mi arriva poi un contratto di Ounas senza timbro e senza firma, lì non capisco. Tutto resta avvolto nel mistero, evidentemente Politano non doveva venire al Napoli. Ero disposto anche a buttare i soldi dalla finestra per Politano, ma non me l’hanno voluto dare”.

Un retroscena non molto chiaro che però sottolinea la forte volontà di Aurelio De Laurentiis nel provare a soddisfare le richieste dei propri allenatori. Alla luce dell’accaduto ora fa amaramente sorridere come Politano non stia rendendo per i 25 milioni spesi appena questo gennaio. Ora tocca a Gattuso provare a rivitalizzare il calciatore.