Nazionale italiana, Tavecchio offre all’ex ct campione del mondo un ruolo da D.T.

0

ROMA- Nella giornata di ieri c’è stato un incontro di due ore, in via Allegri, tra il presidente della federcalcio Carlo Tavecchio e l’ex ct Marcello Lippi. In quest’ incontro è stato siglato un accordo che vede Lippi assumere la carica di D.T.

Tavecchio, in questo modo, vuole rifondare il club Italia dato l’imminente addio dell’attuale CT Antonio Conte, direzione Londra sponda Chelsea.

Lippi avrà compiti di coordinazione e supervisione dalla Nazionale A fino alle Under minori. Avrà un autonomia mirata ma senza sovrapposizioni con il ct che sarà il primo responsabile della Nazionale A.

Capitolo ct.

Fin da quando Antonio Conte ha annunciato il suo addio alla panchina dell’Italia si è scatenato un tam tam mediatico fatto di nomi, suggestioni e scommesse. Si è passati dalla scommessa Cannavaro al sogno Mourinho fino anche al ritorno di Roberto Donadoni. Adesso, però, i nomi più gettonati per la panchina azzurra, sono per lo più tecnici navigati e con grande esperienza come Gianni De Biasi, autore del miracolo Albania, Giampiero Gasperini e Giampiero Ventura. Tra i tre quello che attualmente sembra avere meno chance è Gianni De Biasi, impegnato attualmente all’europeo con l’Albania, dato che Tavecchio ha bisogno di un tecnico disponibile da subito perchè intenzionato a programmare in tempi brevi il futuro della nazionale. Tra i due tecnici rimasti in lizza, Gasperini e Ventura, quello che sembra avere maggiori chance è Ventura,il quale non ha mai nascosto il sogno di allenare la nazionale. Ventura sembra essere il candidato ideale perché non solo la sua avventura al Torino è giunta al termine (già da qualche mese  per i tifosi granata, ricordiamo le contestazioni) ma anche perché Ventura è legato da una grande amicizia a Marcello Lippi  e quindi sarebbe un nome graditissimo all’ormai nuovo D.T della nazionale.

Insomma non ci resta che attendere, nel frattempo ci godiamo lo spettacolo degli europei sperando in un buon risultato di Conte e della nazionale italiana.