Serie A: il primo derby cinese termina con un pareggio

0
Fonte wikipedia.org

A Milano va in scena il primo derby della “Madonnina” a mezzogiorno e completamente Cinese. All’andata, quando Berlusconi era ancora presidente dei rossoneri, al Giuseppe Meazza terminò con il punteggio di 2-2 con la doppietta di Suso da un lato e Candreva e Perisic dall’altra. Quest’oggi entrambe le squadre duelleranno per un posto in Europa; al momento davanti c’è il Milan a +2 dai cugini neroazzurri.

Subito al San Siro il Milan va subito vicinissimo al goal: da un errore del neroazzurro Gagliardini, Deulofeu fallisce il tiro davanti alla porta, poi ci provano il colombiano Bacca e Mati Fernandez, quest’ultimo all’interno dell’area di rigore calcia alto. Handanovic si salva. Qualche minuto più tardi è il turno dell’Inter con Joao Mario che avanza sulla fascia, poi crossa per Icardi, ma quest’ultimo viene chiuso dal difensore rossonero De sciglio. Gli uomini di Montella falliscono un’altra buona occasione con Deulofeu, perché il portiere neroazzurro  è attento e in uscita blocca il pallone. Nei minuti successivi si accende il derby: sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Suso, sbaglia a calciare Sosa, ma il pallone rimane nella zona pericolosa dell’Inter e lo spagnolo rossonero con un tiro supera il portiere sloveno, ma il pallone termina sul palo; dall’altro lato il portoghese neroazzurro inizia uno contropiede che però il terzino azzurro sventra per ben due volte.  Qualche minuto più tardi l’Inter ci riprova di nuovo con Icardi, ma il portiere rossonero si riesce a rifugiare in rimessa dal fondo. Al 24’ da una combinazione di D’ambrosio e Candreva, quest’ultimo crossa in mezzo ma il pallone finisce tra le braccia del portiere napoletano. Al 34’ il Milan con il solito spagnolo non riesce ad inquadrare la porta difesa dal portiere neroazzurro. Al 36’ si sblocca finalmente il derby di Milano con la rete dell’ex Lazio Candreva che all’interno dell’area di rigore supera De sciglio e infila Donnarumma: ora l’Inter guida la partita in vantaggio di 1-0. Al 44’ L’Inter raddoppia grazie al goal di Icardi: l’argentino (servito dal croato Perisic) deve solo spingere in rete il suo primo goal realizzato nel derby. La prima frazione di gara termina con i neroazzurri in vantaggio per 2-0 su gli uomini di Montella.

La ripresa incomincia senza cambi da entrambe le parti. l’Inter prova fin da subito a tentare di dare “il colpo di grazia” al diavolo con il croato che mette in mezzo un cross per l’argentino, ma il numero 9 neroazzurro non inquadra nel migliore dei modi lo specchio della porta difesa da Donnarumma. Al 57’ l’allentare napoletano Montella effettua il primo cambio: entra Locatelli al posto di Kucka. Al 61’ il Milan va vicinissimo a riaprire la gara: dall’interno dell’area di rigore, Medel blocca un tiro potente di Bacca. Un minuto dopo l’arbitro Orsato lascia proseguire l’azione nonostante un piccolo contatto tra Deulofeu e D’ambrosio. Al 66’ il portiere Handanovic fa un intervento super su un tiro al giro dello spagnolo Deulofeu dal limite dell’area. Al 68’ anche Pioli effettua il primo cambio: entra Eder al posto di Perisic. Al 75’ c’è il secondo cambio per il Milan: entra Lapadula al posto di Sosa. Nei minuti successivi il Milan si porta in avanti per cercare di riaprire a tutti i costi questo derby, partita che si riapre grazie al difensore Romagnoli: sugli sviluppi di un calcio d’angolo Suso mette in mezzo e il difensore azzurro sorprende tutti grazie ad una zampata che anticipa tutta la retroguardia neroazzurra. Nei minuti finali i rossoneri provano in tutti i modi a provare a portare la partita in parità cercando di strappare un punto ai “cugini”, ci riescono in extremis   con Zapata che riporta la partita di nuovo in parità.

Al San Siro il primo derby orientale termina come il risultato dell’andata grazie un goal arrivato sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ma soprattutto grazie alla Goal Line Tecnology, il quale ha assegnato il goal al difensore del Milan. Ora gli uomini di Montella rimangono a +2 dagli interisti e a poche giornate dal termine possono ancora sperare in una qualificazione in Europa League.