Sovraffollamento al Cardarelli, troppi i pazienti positivi

0
Morto al Cardarelli, Sovraffollamento al Cardarelli, Coronavirus al Cardarelli
Ospedale Cardarelli, Fonte Wikipedia

Considerando l’aumento dei contagi in Italia, era solo questione di tempo prima che gli ospedali ne soffrissero. Il recente sovraffollamento al Cardarelli, noto ospedale di Napoli, ne è la prova. Parliamo di un numero di pazienti positivi che raggiungono vette allucinanti, tanto da spingere la struttura a tirare il campanello d’allarme.

I NUMERI – È durante un’intervista a Giuseppe Longo, direttore dell’ospedale sopracitato, che i numeri ufficiali sono stati rivelati. Un’intervista da parte della trasmissione “Barba&capelli”, condotta da Corrado Gabriele in onda su Radio Crc targato italia. Ecco cosa dichiara il direttore.

«Siamo sopra i 200 per Covid, più alto è il numero dei contagiati e più alta è la pressione. Da oggi le cliniche universitarie dovrebbero fornire nuovi posti per trasferire così degenti e anche malati Covid». Una dichiarazione che si riferisce quindi ai posti letto e alla loro progressiva carenza.

LA CRITICA DI LONGO – Preoccupato per l’eccessivo sovraffollamento del Cardarelli, Longo si è sfogato nel corso del programma. Quello che ne consegue è una forte critica verso la mancanza di controlli nelle case.

«I pazienti a casa lamentano di non riuscire ad avere un momento di confronto e valutazione con i medici di base. È una situazione che ha messo sotto pressione il servizio sanitario. Tutti i giorni – aggiunge il direttore – cerchiamo di liberare i posti letto perché sono una risorsa fondamentale. Il pronto soccorso ci dimostra che arrivano molti pazienti non da ricovero, ma non hanno altra modalità se non il 118 o con l’arrivo diretto in ospedale. Il paziente non vuole solo valutazione telefonica ma anche dal vivo, un confronto diretto».